Volete sapere se pulite la vostra caffettiera nel modo corretto? Ecco gli errori più comuni

Sui modi corretti di pulizia e manutenzione della caffettiera esistono diverse versioni: alcuni sostengono che non debba mai essere lavata, per evitare che i prodotti possano interferire con i futuri processi di produzione del caffè e modificarne il sapore, altri invece la puliscono da cima a fondo dopo ogni singolo utilizzo.

Se dobbiamo dire la verità, l’equilibrio aromatico del caffè è davvero molto suscettibile anche a minimi cambiamenti, e molte cose possono incidere sul risultato finale e sul suo sapore. Per questo motivo oggi vi proponiamo una linea guida, da rispettare per prendervi cura nel modo corretto della vostra caffettiera in modo da non danneggiare il sapore del vostro caffè.


credit: pixabay/andreas160578

Vi chiedete se la moka va lavata quotidianamente?
Ebbene sì, la caffettiera deve essere pulita dopo ogni suo utilizzo per evitare che gli oli rilasciati durante la preparazione del caffè rimangano sulle sue superfici e con il tempo possano ossidare il macchinario e rendere rancido il sapore del vostro caffè. Per farlo vi basterà rimuovere il caffè macinato dal filtro, sciacquare la moka sotto acqua corrente tiepida, sfregando con le mani ogni sua parte.

Se volete usare una cura più approfondita non utilizzate prodotti, ad eccezione di quelli naturali come bicarbonato, aceto o succo di limone. Non utilizzate mai detergenti per lavastoviglie o detersivi. La loro azione altera al cento per cento il sapore del caffè, inoltre utilizzare una spugnetta abrasiva o una spazzola può facilmente rigare l’alluminio della caffettiera, quindi meglio evitare.

Come possiamo pulire il filtro?
Il metodo più efficace è quello di sfruttare il bicarbonato di sodio. Versate un composto di un bicchiere d’acqua e due cucchiaini di bicarbonato, all’interno della caldaia della caffettiera e mettetela sul fuoco come se steste facendo il caffè. Il liquido risalendo pulirà perfettamente i fori del filtro, assicurandovi una sgrassatura senza odori né residui. Dopodiché ripetete 2 volte l’operazione con la sola acqua per eliminare eventuali tracce di bicarbonato.

Se invece notate che i fori del filtro rimangono otturati, sfruttate un semplice spillo per riuscire a disincastrare qualunque residuo. Infine, dopo i lavaggi, sarà sempre importante asciugare separatamente ogni parte della caffettiera, per evitare la formazione di odori sgradevoli e ossidazioni, dovute a ristagni di acqua.

LEGGI ANCHE: Avete mai messo il cacao nella moka insieme al caffè? La ricetta da provare