Trucchi poco conosciuti, ma facili ed efficaci, per pulire le piastrelle della cucina

La cucina è il luogo della casa, dove unto e grasso fanno da padroni. È normale che la preparazione di cibo abbia delle piccole conseguenze. Molti adorano cucinare, ma i fumi delle pentole, gli schizzi d’olio e tutte le altre piccole azioni che si compiono in cucina, contribuiscono inevitabilmente a sporcarla e una delle cose più fastidiose da pulire in una cucina sono proprio le piastrelle.

Oggi vi sveliamo dei semplici trucchetti che agevoleranno in maniera significativa la vostra azione di pulizia, riportando a nuovo le vostre piastrelle e donando un senso di maggiore splendore alla vostra casa. Ecco alcuni ingredienti che trovate nelle vostre case e che saranno degli ottimi alleati nella pulizia delle piastrelle di casa.

1. Il Dentifricio
Il dentifricio, nella sua composizione, contiene una formula sbiancante, il che lo rende perfetto per eliminare il nero dalle fughe delle piastrelle. Spargetelo e strofinate con una spugna, risciacquandolo, per ottenere un risultato fresco e brillante.
2. Alcol
L’alcol è un prodotto perfetto sia per la pulizia che per la disinfezione. Versate qualche goccia di liquido in un panno di cotone e passatelo sulle vostre piastrelle

3. Lo spazzolino da denti
Il classico spazzolino da denti aiuta a raggiungere quegli angoli che le spugne e i panni hanno difficoltà a pulire. Dato che ogni 3 mesi i dentisti consigliano di cambiare lo spazzolino, potete conservare quello vecchio ed usarlo per la pulizia della casa. Spruzzate un po’ di sgrassatore sulla piastrella e passateci lo spazzolino per farla tornare come nuova.

4. Acqua e acido nitrico
L’acido nitrico è un acido minerale molto forte utilizzato soprattutto in oreficeria, ma se ne diluiamo una piccola quantità in mezzo litro di acqua fredda potremo applicarlo, tramite un pennello, sulle nostre piastrelle per eliminare tutte le macchie. Ricordatevi di usare dei guanti data la natura particolarmente corrosiva dell’acido.

5. Ammoniaca
L’ammoniaca solitamente viene già utilizzata per la pulizia delle superfici e quindi è perfettamente adatta a far risplendere le nostre piastrelle rimuovendo, con facilità lo sporco e le macchie. Proprio come per l’acido nitrico anche l’ammoniaca va utilizzata con i guanti, a causa del suo potenziale corrosivo che potrebbe provocare irritazioni.

6. Vapore acqueo
Spesso il nero delle fughe delle nostre piastrelle è soltanto un accumulo dei fumi che si producono nella nostra cucina, e proprio grazie a questi fumi possiamo anche pulirle. Basta prendere una pentola, riempirla d’acqua e portarla a bollore. Chiudete porte e finestre della vostra cucina e vedrete che i vapori acquei sprigionati, ammorbidiranno lo sporco delle piastrelle e vi basterà passarvi sopra un panno pulito per ripulirle completamente.

7. Bicarbonato di sodio e sale
Il bicarbonato eccelle nella pulizia di qualunque cosa e per utilizzarlo anche per le piastrelle, occorre soltanto munirsi di una ciotola, versarvi dentro una uguale quantità di bicarbonato e sale e una goccia d’acqua. Si creerà una sorta di pasta che potrete applicare alle superfici delle piastrelle. Terminate la pulizia semplicemente strofinando e rimuovendo il tutto con acqua.

credit: pixabay/Monfocus

8. Sgrassatore per vetri
Gli sgrassatori specifici per superfici di vetro possono tranquillamente assolvere la funzione di detergere le piastrelle, hanno degli effetti duraturi e aggiungono ulteriore splendore alla vostra cucina.
9. Aceto
Ultimo ma non ultimo abbiamo l’aceto. Utilizzato per la pulizia l’aceto permette di ottenere risultati spettacolari. Anche lo sporco, il grasso o il calcare più ostinato riesce facilmente ad essere eliminato grazie ad esso.

LEGGI ANCHE: Trucchi per pulire il barbecue che ti saranno molto utili in queste sere d’estate.