Svegliarsi con il piede giusto. L’infuso naturale per cominciare bene la giornate.

Come avrete già sentito milioni di volte, la colazione è il pasto più importante della giornata. Effettivamente il motivo per cui si dice così esiste, la colazione è il primo pasto che facciamo la mattina appena svegli ed è quella che ci consente di incamerare le energie necessarie per incominciare la giornata in maniera dinamica, come spesso ci viene imposto dai ritmi frenetici della nostra società.

Dunque fare un pasto equilibrato e sano è molto importante, è anche importante calibrarlo in base alla nostra giornata, spesso i pranzi possono essere più veloci e frugali, dunque è giusto saper trovare un equilibrio tra tempo e cibo, cercando di apportare la giusta energia al nostro organismo.


Foto di congerdesign da Pixnio

La colazione dolce è la più amata dagli italiani caffè, latte e tè non mancano mai sulle tavole italiane la mattina, accompagnate spesso a cornetti o biscotti, ma avete mai pensato di sostituire la bevada o di aggiungere alla vostra colazione un infuso? Ce n’è uno che è considerato un vero toccasana per cominciare la giornata al meglio.
Se desiderate svegliarvi di buon umore e iniziare la giornata carichi questa ricetta fa per voi.

Si tratta di un infuso a base di limone semplice da preparare e rigenerante. Basta mettere a bollire in una pentola tre limoni la sera prima di andare a riposare e lasciare riposare durante la notte. La mattina seguente avrete il vostro infuso pronto. Una volta pronti per la colazione potrete scegliere se consumate la bevanda fredda o riscaldata, bevetene una tazza e conservate il resto in frigo, in modo da trovarla pronta per le colazioni successive.

Foto di Julia Zolotova da Pexels

Vedrete che il consumo giornaliero di questa bevanda donerà un effetto benefico al vostro organismo e non potrete più farne a meno. Le proprietà benefiche del limone sono conosciute da tempo immemore, si tratta di un agrume molto usato ed apprezzato.

LEGGI ANCHE: Come lavare gli occhi con la camomilla. Ecco come fare gli “impacchi”