Perché si credeva che le sirene a prua delle navi portassero fortuna?

Il mare è uno di quegli elementi che ha sempre ispirato un grande fascino e ha fatto nascere grandi e popolari credenze nella gente. Per esempio: conosci il ruolo delle sirene? Sai perché una loro effige si trovata sulla prua della nave (polena)?
La sirena è una creatura mitologica presente in tante e diverse culture, sin dai tempi babilonesi, quando aveva la forma di Oannes, il dio pesce, metà uomo e metà pesce, figura che ha sempre attratto i marinai di tutto il mondo, che la consideravano irresistibile e fonte prima di tanti incidenti che si generavano in amore.

Mentre alcune credenze la consideravano di buon auspicio, altre la associavano a incidenti marittimi e pericoli continui. Altre superstizioni dicevano che l’avvistamento di sirene era un segno dell’arrivo del maltempo, per il quale i marinai spesso perdevano la vita. Erano una continua fonte di distrazione che portava a missioni e approdi incompiuti.


credit: pixabay/ogreladydesigns

Ma sai che si diceva, in passato, che le donne nude calmassero il mare? Ecco il motivo della presenza della effigie della sirena a prua della nave. Una sirena, una figura sacra, avrebbe quindi portato fortuna alla barca, grazie al suo corpo nudo. La vista del suo corpo, infatti, avrebbe potuto spaventare le acqua, causandone una certa timidezza e quindi una certa calma al passaggio della nave.

Ecco perché nel tempo da creatura negativa e tentatrice divenne qualcosa di molto più profondo e positivo. Sebbene di superstizioni ce ne siano a centinaia questa pare essere la versione più accreditata finora. E voi cosa ne sapete? Avete mai letto o visto qualcosa in merito a queste straordinarie figure mitologiche del passato? Diteci la vostra opinione e i vostri pensieri in merito nei commenti. Siamo sicuri che anche voi siete molto curiosi del tema.

LEGGI ANCHE: Quando risenti la tua voce registrata ti sembra diversa? Ecco il motivo