Ora potete anche tatuarvi un suono. Ecco come si fa, esiste anche un’app per leggerlo

I tatuaggi, da sempre, hanno sempre affascinato tutti, ma oggi vogliamo parlarvi di qualcosa di veramente incredibile. L’autore di questa idea racconta di averla pensata quando è uscito da uno studio di tatuaggi.

È stata la sua ragazza che gli ha messo la pulce nell’orecchio, come si suol dire: lei esprimeva una fantasia molto particolare: ascoltare i tatuaggi, dargli voce, farli parlare, in modo che potessero generare come un suono o un ricordo.

E così, una lampadina si è accesa nella mente della persona in questione che ha deciso di sviluppare un modo per stampare una sorta di onda sonora sulla pelle da riempire e scrivere con l’inchiostro, sulla nostra pelle.

L’app prende il nome di Soundwave ed è in grado di leggere una onda sonora che viene impressa sulla nostra pelle e riprodurne il suono, una operazione incredibile, un concerto che può partire proprio dalla nostra cute.

Questa app è stata lanciata nel 2017, e il team ha coinvolto una rete di tatuatori in tutto il mondo, che ha voluto mettere alla prova per capire il tutto. I tatuaggi, quando invecchiano prendono ad espandersi e a perdere la capacità di suonare, come si dice.

Ovviamente i tatuatori che stanno cercando devono essere molto preparati, perché il tatuaggio se ben fatto e curato a regola d’arte risponderà molto bene al trattamento. E al massimo, col passare del tempo, si avrà bisogno di un piccolo lavoro di “scalpello”, da parte del tatuatore, ma insomma il grosso è fatto.

Si tratta di un metodo incredibile, che in futuro le nostre pelli saranno in grado di suonare veri e propri concerti? Questo ancora non lo sappiamo, ma siamo convinti che non sia poi una ipotesi così remota.

Leggi anche: Cosa sono quelle macchie trasparenti che fluttuano nel nostro campo visivo?

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network: