Nel 1924 lasciarono 14 bisonti abbandonati dopo aver registrato un film, vi diciamo come vivono oggi

Dal 2012, gli americani hanno istituito il National Bison Day. Obama, nel 2016, ha designato il bisonte come mammifero nazionale degli Usa, che divenne il simbolo della nazione, insieme all’aquila. Il bisonte americano, meglio noto come bufalo, è molto presente negli States, e i suoi esemplari possono giungere anche al peso di 900 chili, e un’altezza di 180 cm.

E ci sono storie molto originali in merito, ci riferiamo al bisonte di Santa Catalina.
Una popolazione assolutamente unica che pascola nelle praterie di Yellowstone, nel Montana e nel Wyoming, dove normalmente corrono in libertà. Sull’isola di S. Catalina, vivono a 35 km dalla costa californiana, da quasi 100 anni. Arrivarono, grazie a un ricco imprenditore e un metodo molto raffinato.

Nel 24, la compagnia di cinema Lasky ha trasferito 14 esemplari di bufali sull’isola, per un film. Si parla di due pellicole, The twilight of a race o The cursed Horde. E nessuno sa a quale pellicola si riferisce il trasporto dei bisonti sull’isola. Da allora, gli animali sono rimasti sul posto e hanno continuato a pascolare e riprodursi.

14 esemplari non sembrano tanti, ma nel giro di poco tempo, questi sono cresciuti a livello demografico in maniera massiccia. Negli anni, è stato addirittura testato un sistema per fermarne la crescita, un metodo che inganna il sistema di riproduzione delle femmine, e che garantisce che non ci siano accoppiamenti massivi fra gli animali in ballo.

Oggi sono tante le persone che si recano sul posto che vede i bisonti come la principale attrazione del luogo, magnifici animali che stupiscono per la grande intelligenza che hanno ma soprattutto per la loro superba fisicità. E tu cosa ne pensi? Ci andresti mai a vederli così da vicino?

Facci sapere nei commenti se conoscevi la storia di oggi.

LEGGI ANCHE: Le parole scritte da John Travolta, per l’anniversario della morte del figlio sono talmente intense che è impossibile leggerle senza far scendere le lacrime