Le 15 aree di casa che usiamo più spesso dove si accumulano più germi

Una corretta pulizia è la parte fondamentale della nostra igiene casalinga.
Indipendentemente dall’essere liberi o avere un lavoro che impegna gran parte del nostro tempo, la pulizia della nostra casa deve essere una parte fondamentale della nostra settimana, altrimenti potrebbe portare ad un aumento esponenziale di germi e batteri che potrebbero causare gravi disagi al nostro stato di salute.

Proprio per questo è estremamente importante riuscire a capire quali siano le zone della casa dove è più facile che si annidino germi e batteri e quindi passare ad una giusta sterilizzazione. Secondo alcuni studi effettuati da alcuni esperti, le aree che maggiormente presentano la più alta concentrazione di batteri nelle nostre case sono 15 e sono le seguenti:


credit: pixabay/Svyatoslav

1. La toilette
Per ovvi motivi questo è il luogo con la più alta concentrazione batterica della casa, quindi è necessario eseguire una corretta sanificazione quando andremo ad effettuare la sua pulizia, che non deve essere mai trascurata.

2. Strofinacci
Gli stracci e le pezze utilizzate per pulire la nostra casa potrebbero arrivare ad avere lo stesso quantitativo di germi di una toilette. È necessario cambiarle spesso e non dimenticarsi di lavarle in lavatrice ad alte temperature per sterilizzarle a dovere.

3. Il lavandino
Questa è un’altra area dove è facile trovare la presenza di una maggiore contaminazione batterica. Bisogna prestare molta attenzione alla sua pulizia dato che entra spesso in contatto con alimenti ed utensili che utilizziamo per cucinare e mangiare.

4. Rubinetti
Il rubinetto può facilmente accumulare un elevato numero di batteri e dato che li utilizziamo sia per la nostra igiene orale e fisica che per cucinare l’ideale è pulirli spesso e accuratamente.

5. Vasca da bagno
Una giusta pulizia della vasca da bagno può essere d’aiuto contro le contaminazioni batteriche che si formano sulla stessa a causa della presenza di umidità. Lavate sempre la vasca dopo averla utilizzata e preverrete futuri problemi.

6. Spazzolino da denti
Spesso la pulizia dello spazzolino viene trascurata, ma non dimenticate che è un oggetto estraneo che noi inseriamo all’interno del nostro corpo. Igienizzatelo a dovere grazie a prodotti appositi o al limite con acqua e bicarbonato.

7. Taglieri
I taglieri che utilizziamo per cucinare spesso nascondono batteri che sono rimasti nelle fessure dello stesso, quindi dopo l’utilizzo assicuriamoci di lavarlo a fondo con detersivo per piatti, acqua calda e olio di gomito.


credit: pixabay/artemtation

8. Posate
Le posate sono spesso utilizzate per toccare cibi crudi e questo può portare i germi a depositarsi su di esse, inoltre se lavate con poca cura possono mantenere residui di cibo che marcendo causano grandi prolificazioni batteriche. Lavatele sempre bene e con acqua molto calda.

9. Arredamento
Ovviamente il frequente contatto che facciamo con i mobili di casa porta a una diffusione dei germi, quindi ricordate sempre almeno una volta alla settimana di togliere la polvere e dare loro una bella pulita.

10. Dispositivi tecnologici
Computer, telefoni e altri dispositivi simili possono contenere altissimi carichi di germi e quindi consigliamo una frequente e adeguata disinfezione, soprattutto sulle tastiere dei computer e sugli smartphone che senza pensarci appoggiate sempre dappertutto.

11. Maniglie
Le maniglie delle porte contribuiscono facilmente al passaggio dei germi, dato che dobbiamo necessariamente toccarle spostandoci da una stanza all’altra, quindi durante le pulizie ricordatevi sempre di lavarle per bene.

12. Interruttori
Anche gli interruttori, come le maniglie, ricevono il nostro costante tocco quando dobbiamo entrare in una stanza, non fategli quindi mai mancare la vostra pulizia.

13. Giocattoli per bambini
I bimbi sono soliti lanciare e gettare i giocattoli ovunque in casa, quindi e facile che vengano a contatto con polvere o sporco. Cercate sempre, dopo le loro sezioni di gioco, di pulire per bene i loro giocattoli. Ricordate che se sono articoli per bambini molto piccoli, solitamente sono adatti al lavaggio in lavatrice, quindi non esitate ad igienizzarli in questo modo.

14. Piano di lavoro della cucina
Ovviamente è un luogo che necessita particolari attenzioni, dato che usiamo strumenti e cibi proprio su di esso. Per evitare contaminazioni incrociate di batteri ricordate sempre di pulirlo bene dopo ogni uso.

15. Studio e area di lavoro
In quest’area solitamente trascorrete molto tempo, magari al computer o svolgendo un hobby. È facile quindi accumulare dei germi, magari portati dall’esterno e quindi anche qui è necessario effettuare un’accurata fase di pulizia.


credit: pixabay/Pexels

Tutte queste aree della casa devono essere sempre pulite con dei prodotti specifici per la loro disinfezione, ricordate che esistono dei prodotti naturali, come il bicarbonato e l’aceto, che possono permettervi di ottenere grandi risultati nel campo dalla sanificazione, senza dover ricorrere necessariamente a reagenti chimici che potrebbero creare dei fastidi. Noi siamo sempre convinti che il “naturale” sia meglio, però a seconda delle situazioni potrebbe non essere sufficiente, quindi cercate sempre di capire quale sia il modo migliore per igienizzare al cento per cento la vostra casa.

LEGGI ANCHE: Sapete perché in acqua le dita si raggrinziscono? Ecco la spiegazione scientifica