Il sale si aggiunge prima o dopo la cottura? C’è un’enorme differenza. Ecco qual è

Il sale è uno degli alimenti più usati in cucina, dato che riesce a insaporire anche i cibi più sciapi. Tuttavia, sappiamo tutti che un grosso quantitativo di sale non è ottimo per la nostra pressione e per il nostro fisico in generale. Prima di usarlo, dobbiamo seguire alcune importanti accortezze.

Partiamo da un concetto? Metti il sale prima, durante o dopo la cottura? La scelta ha un forte impatto sul risultato finale del cibo finale, per questo è molto importante usarlo nel momento opportuno.

America Test Kitchen ha deciso di testare quando è meglio usare il sale, e prima del test, hanno cotto due bistecche. Su una, hanno aggiunto il sale a inizio cottura, insieme alle verdure bollite. Sull’altra, il sale è stato aggiunto successivamente alla cottura. Si è scoperto che la carne salata poco prima di essere servita, era più dura e tesa. La carne salata prima della cottura invece si presentava molto più morbida ed equilibrata. Questo perché il sale richiede molto tempo per penetrare nel cibo freddo.

Un esperimento precedente ha invece dimostrato che ci vogliono circa 24 ore fino a che il sale entri della carne di tacchino. Insomma, il sale, se usato adeguatamente rende anche il cibo che consumiamo molto più tenere, ma purtroppo, non sono molte le persone che lo sanno e spesso il nostro pasto viene reso meno buono per una piccola disattenzione.

Ovviamente il nostro articolo prescinde dai gusti personali di ognuno di voi, vi consigliamo di fare delle prove e di scegliere la soluzione che meglio preferite.

A volte i dettagli fanno la differenza nelle cose, questa è una cosa risaputa ma che molto spesso sottovalutiamo. Provare per credere. E tu solitamente come salavi la tua carne? Prima o dopo la cottura?

LEGGI ANCHE: Squisiti e pronti in men che non si dica! Con soli 3 ingredienti. Ecco la ricetta