Creano il primo cimitero ecologico in cui I corpi si trasformano in alberi

Hai mai pensato a diventare un albero dopo aver lasciato questo mondo? A quanto pare c’è qualcuno che ci ha pensato, un’idea innovativa, ecologica e ecosostenibile. Il primo Bios Park al mondo, si trova in Quebec, in Canada.

Ha un’intera area dedicata solamente alla piantagione piantagione di alberi delle persone care. Negli ultimi 23 anni questa compagnia, ha creato nuovi modi per dire addio ai propri cari, metodi poco convenzionali ma molto innovativi e interessanti. E da poco sono proprio passati 23 anni dall’idea della Bios Urn.

I creatori sottolineano che i contenitori sono biodegradabili al 100%, al suo interno si trova una miscela di semi con fertilizzanti naturali che si combinano con i resti della persona amata, o dell’animale amato. Una volta che l’urna viene piantata sotto terra, ne crescerà un un albero che oltre ad aiutare il pianeta sarà un ricordo incredibile per i propri cari.

“L’albero cresce dalle ceneri, l’urna si biodegrada senza lasciare alcuna traccia e la morte diventa una trasformazione e torna alla vita attraverso la natura”, afferma il sito web di Bios. “A livello individuale, è molto terapeutico in un momento come questo. A livello globale, ci assumiamo la responsabilità collettiva per il tanto necessario restauro planetario. Stiamo parlando di migliaia, se non milioni, di alberi piantati ogni anno.”

L’idea è stata già distribuita in più di 50 paesi. Ma il primo cimitero dedicato a questo è stato aperto in Quebec. Questo tipo di urne può contenere otto diverse specie di alberi, puoi scegliere tra: mela selvatica, acero di zucchero, quercia, gingko, lilla, ortensia e acero di amur.

Dietro alla scelta degli alberi c’è un vero e proprio studio dietro, infatti la società ha deciso di offrire alle famiglie degli alberi consultando le specie autoctone accettate nelle città in cui gli alberi dovevano essere portati. Sono state scelte delle specie resistenti e che non richiedono molta cura.

Secondo la direttrice del progetto: dopo il giorno del funerale, le famiglie tornano spesso a visitare il defunto e a prendersi cura del loro albero rimuovendo le foglie danneggiate o decorandole in base alle stagioni e alle diverse festività dell’anno. Molti testimoniano che amano vedere crescere anche gli altri piccoli alberi intorno a loro.

Per molti questo è un modo migliore per dire addio ai propri cari e per ricordarli, rispetto ad una semplice pietra tombale. Si prevede che nei prossimi mesi verranno lanciati in tutto il mondo altri progetti come questo. Se vuoi maggiori informazioni visita il sito ufficiale di UrnaBios.com

LEGGI ANCHE: Mobili eco-sostenibili: questa libreria può essere trasformata in una bara dopo la morte del proprietario