Conosci i benefici della liquirizia e chi non può usarla?

La liquirizia è una pianta molto nota per la realizzazione di caramelle che portano il suo stesso nome.
Questa appartiene alla famiglia delle Fabaceae ed è originaria dell’Europa mediterranea e dell’Asia minore. La pianta ha numerose proprietà che la rendono davvero utile, inoltre il suo componente principale è un vero e proprio dolcificante naturale. La liquirizia agisce come stabilizzatore sul corpo, non fa ingrassare e no aggiunge alcun tipo di zucchero alla nostra dieta.

Spesso viene utilizzata nelle diete per il suo effetto saziante o come stratagemma per placare gli attacchi di fame. Essa contiene i flavonoidi, che sono veramente benefici per la nostra salute, dato che:
• Hanno proprietà antinfiammatorie e antibatteriche,
• Aiuta a proteggere dalle allergie
• Migliora la salute del cuore
• Riduce i sintomi dell’artrite
• Protegge lo stomaco
• Migliora la funzione della vitamina C


credit: pixabay/psaguer

Al suo interno la pianta ha anche aminoacidi, vitamine e minerali che portano un vero contributo alle nostre funzioni. È molto consigliata a chiunque abbia difficoltà digestive, colite o il morbo di Crohn. Essa viene da secoli utilizzata per il trattamento della stanchezza cronica, della menopausa e per rallentare la caduta dei capelli. Tuttavia, abusarne rischia di far ottenere dei risultati davvero spiacevoli, dato che riduce i livelli di potassio ne corpo aumentando invece quelli del sodio. Questo è pericoloso per chi soffre di ipertensione o malattie renali. In questi casi il consiglio è quello di evitarne completamente il consumo oppure di effettuarlo con reale moderazione.

Nel 2012 la liquirizia fu eletta pianta medicinale dell’anno, essa può essere consumata allo stato solido, masticando le radici della pianta che contengono gran parte del succo, può essere utilizzata per creare una salutare tisana rilassante, con cui beneficiare completamente dei suoi componenti ed esiste anche la liquirizia salata, che a differenza della sua controparte dolce, ha un retrogusto molto meno zuccherino e leggermente piccante.

LEGGI ANCHE: Cosa succede al corpo se smettiamo di bere caffè? Ecco la risposta!