Come migliorare la memoria?

La memoria è il volume di informazioni e di esperienze che vengono raccolte e incanalate nel nostro vissuto. È importante conservarla e allenarla nel migliore dei modi, capendo che il cervello è un organo fondamentale che consente il funzionamento di tutto il nostro corpo e il nostro organismo. Perché tutto funzioni alla grande però, vanno seguite alcune regole che toccano il nostro stile di vita e il nostro comportamento in generale.

A prescindere dal dato anagrafico, il modo migliore per combattere la perdita di memoria è mangiare bene e fare allenamenti fisici e mentali. Le vitamine, a questo proposito, sono essenziali dato che aiutano a mantenere alta la memoria, appunto, e la concentrazione.
Vediamo quali sono le migliori.


credit: pixabay/geralt

Il beta carotene è la migliore, la conosciamo come pro-vitamina A e la sua funzione è quella di preservare le cellule cerebrali a lungo termine. Si trova in carote, zucca, frutta come melone, mango e papaia.

L’intero complesso B raccoglie vitamine essenziali per il nostro cervello, la B1 ha effetti ottimi per prevenire il deterioramento della memoria e l’invecchiamento di essa. Si trova in carni, vitello, pollo, pesce, maiale e anche noci, cereali, frutta e verdura.

La B6, invece, anche questa ottima, favorisce la formazione di neurotrasmettitori e la produzione di neuroni e interviene nei processi di memoria, aiuta l’assorbimento della B12, che è una delle principali vitamine per lo sviluppo cognitivo.

Anche questa la possiamo ritrovare in tanti alimenti come il grano, il riso, le patate, il tacchino, il vitello, il pollo, le uova, il latte e i derivati, la carne di agnello, i frutti di mare, le lenticchie, il maiale, e le noci e i peperoni. Insomma, un bel ventaglio di alimenti da portare direttamente sulle nostre amate tavole.

LEGGI ANCHE: Puntura di tracina in spiaggia: cosa fare se accade