Voce angelica, riccioli d’oro e corona di fiore, a soli 9 anni canta l’Ave Maria e meraviglia tutti per il talento.

Uno dei programmi più seguiti in America, ma ormai in tutto il mondo, dove il format è  il famosissimo show dei talent “Got Talent”, dove dei talenti non appartenenti al mondo dello spettacolo, persone comuni, che magari hanno un sogno che non sono riusciti a realizzare, hanno la possibilità di esibirsi di fronte a un pubblico vastissimo e perché no riuscire ad aggiudicarsi un posto nel mondo dei grandi.

Vedere salire sul palco talenti freschi e nuovi, in grado di portare una ventata di arte in tv e sul palcoscenico è sempre una emozione incredibile.

I giudici preposti alla valutazione sincera dei talenti in gara, a volte, si fanno coinvolgere dal concorrente che si esibisce sul palco.

È il caso di Amira Willighagen, di soli 9 anni, che è riuscita ad entrare nel cuore di tutti, per l’edizione olandese del programma. Il suo fisico minuto non deve trarre in inganno perché il talento che ha dimostrato è stato veramente incredibile, oltre ovviamente alla voce che fin da subito è riuscita a stupire veramente tutti.

Il suo vestito e la sua corona di fiori fra i capelli le hanno concesso di avere subito un forte impatto visivo sul pubblico. I fasci di luce che emergono dal soffitto hanno fatto sì che la sua esibizione fosse incredibile, celestiale, come dicono alcuni.

La scelta della canzone è stata di grande impatto, ha infatti cantato l’Ave Maria, una interpretazione incredibile, che ha emozionato e commosso un po’ tutti. Gli occhi del pubblico erano incollati su di lei, e quando raggiunge il picco più alto nel brano il pubblico intero è esploso in un fragoroso applauso che l’ha gratificata tantissimo.

Se sei curioso e vuoi vedere fino in fondo la sua performance, allora non ti resta che vedere per intero il filmato in questione. Siamo sicuri che anche tu rimarrai colpito nel profondo.

Potrebbe interessarti anche: Deridono la ragazza dai capelli rossi, però appena canta il classico dei Queen, se ne pentono subito