Una ragazza filippina ha ricevuto un regalo da un ragazzo americano: ma dopo 11 anni, un messaggio di Facebook ha cambiato le loro vite


Non è importante cosa si pensa del destino, ma bisogna ammettere che ci sono alcune storie che lasciano perplessi.

La storia che vi raccontiamo sembra la trama di un film, ma invece è del tutto reale.

Gli Stati Uniti sono separati dalle Filippine da circa 8.222 miglia, ma da quando in qua il vero amore è stato limitato da così lunghe distanze? Certamente non è il caso di Tyrel Wolfe dell’Idaho negli Stati Uniti e Joana Marchan di Quezon City, nelle Filippine.

Quindici anni fa, quando Tyrel Wolfe era solo un bambino di 7 anni, ha partecipato a un’iniziativa creata dall’organizzazione umanitaria internazionale Samaritan’s Purse. L’iniziativa consisteva nell’inviare una scatola di scarpe piena di materiale scolastico e piccoli giocattoli come regalo di Natale per bambini di diversi paesi poveri.

Tyrel non era consapevole di dove sarebbe finita la sua scatola di scarpe. Tuttavia, la medesima scatola è arrivata a Joana Marchan, di Quezon City, Manila, nelle Filippine.

Joana ha inviato a Tyrel un messaggio di ringraziamento in cambio, ma sfortunatamente la sua lettera non è mai arrivata al ragazzo americano.
Sebbene la lettera di Joana non abbia mai avuto una risposta perché Tyrel non l’ha ricevuta, la ragazza non l’aveva ma dimenticato.

La scatola “significava così tanto per lei” che il suo mittente rimase nella sua memoria e c’erano tutte le buone intenzioni di ringraziarlo correttamente.

Quindi, nel 2011, dopo 14 lunghi anni, Joana ha finalmente trovato un modo per rintracciare Tyrel. Ha usato Facebook per inviare una richiesta di amicizia all’americano. Tyrel la prima volta rifiutò l’amicizia di Joana; ma alla seconda richiesta la curiosità vinse e, così, accetto l’amicizia della ragazza filippina.

Così Joana ebbe modo di raccontare al suo amico la storia della scatola ricevuta da lui quando era bambina.

Si è scoperto che questi giovani in realtà avevano molte cose in comune, tra cui il loro amore per la musica cristiana e una ferma fiducia nella loro fede. La coppia ha trascorso l’anno seguente a chattare sui social media attraverso i messaggi di Facebook, prima che Tyrel decidesse di fare un viaggio di 10 giorni nelle Filippine per incontrare Joana.

Dalla prima volta che si sono incontrati di persona, entrambi hanno sentito che dovevano stare insieme.

“Una volta che ho visto il suo volto, una sensazione incredibile mi ha invaso”, ha ricordato Joana.

“Ero così felice che ho anche pianto.”
“Tutto quello che sapevo era che lei era Joana”, ha detto Tyrel al Samaritan’s Purse.

Dopo breve tempo, Tyrel tornò nelle Filippine per poter chiedere la mano di Joana in matrimonio. Quindi, il 5 ottobre 2014, la coppia si è unita in matrimonio.

Per ricordare il loro splendido incontro , la coppia di sposi ha invitato gli ospiti a confezionare scatole di Natale da regalare alSamaritan’s Purse per i bambini poveri.
“Operazione Christmas Child ha unito Joana e me”, ha asserito Tyrel, “quindi in qualche modo volevamo che il progetto fosse parte della nostra celebrazione d’amore”.

Una storia meravigliosa d’ amore inverosimile. Pensare che una scatola di beneficenza natalizia ha creato un legame che ha resistito alla prova del tempo e ha unito due persone che vivevano a più di 8000 miglia di distanza.


Ti è piaciuto? Allora condividilo con i tuoi amici

Una ragazza filippina ha ricevuto un regalo da un ragazzo americano: ma dopo 11 anni, un messaggio di Facebook ha cambiato le loro vite