Una donna di 38 anni, ha scritto il proprio necrologio con un messaggio che tutti dovremmo leggere


Quando a Sonia Todd di Mosca fu diagnosticato un cancro terminale, sarebbe potuta cadere a pezzi e chi avrebbe potuto biasimarla se lo avesse fatto?

Che shock orribile deve essere per qualcuno sopportare la consapevolezza di non avere più tempo per vivere o da passare con i propri cari.

Ma quando fu costretta a confrontarsi con la propria morte, decise di fare qualcosa di molto insolito: scrivere il proprio necrologio.

L’umorismo e la saggezza che trasmette sono così stimolanti, che molto tempo dopo la sua tragica morte questo necrologio vive come fonte di ispirazione.

Ironia della sorte, Sonia ha scritto, “Non ho mai davvero compiuto nulla di importante.”, niente di vero.

“Ammettiamolo, non ho mai veramente realizzato nulla di importante. Oltre a dare alla luce i miei due meravigliosi, amabili, arguti e meravigliosi figli (James e Jason), aver sposato il mio gentile, comprensivo e prezioso marito (Brian) e ed accettando il Signore Gesù come mio personale salvatore, ho fatto ben poco

Inoltre non volevo che un gruppo di miei amici stesse seduto a scrivere un necrologio elogiativo su di me, come tutti sappiamo, sarebbero stati raccontate mezze verità, scenari impossibili e bugie dettate da affetto e bontà.

Semplicemente non mi piace mettere le persone in quel tipo di situazione. ”

“La verità, o la mia versione, è questa: ho solo cercato di fare il meglio che potevo. A volte ci sono riuscita, il più delle volte ho fallito, ma ci ho provato.

L’unica cosa che mi separa da chiunque altro è il modo in cui l’ho fatto. Non ho sempre fatto la cosa giusta o detto la cosa giusta e quando arrivi alla fine della tua vita, quelle sono le cose che davvero rimpiangi, le piccole cose semplici che feriscono gli altri.”

“La mia vita non era perfetta e ho incontrato molti, molti ostacoli sulla strada.

Rastrellerei totalmente gli anni della mia vita dai 16 ai 20 anni – OK, forse dai 14 ai 22. Penso che eliminerebbe la maggior parte dei miei disastri in tema di moda e delle mie figuracce negli anni ’80.

Ma soprattutto, mi è piaciuta la vita. Alcune parti erano più difficili di altre, ma ho imparato qualcosa da ogni brutta situazione.”

“Inoltre ci sono alcuni benefici nel morire giovani, per esempio, devo ancora saldare i miei prestiti da studente.

Inoltre, non ho più paura dei serial killer, del telemarketing. Non devo preoccuparmi delle rughe o del buco nell’ozono e / o nascondermi dalle news durante la stagione elettorale. ”

“Alcune persone mi hanno detto che scrivere il mio necrologio era morboso, ma penso che sia grandioso perché ho la possibilità di dire grazie a tutte le persone che mi hanno aiutato lungo la mia strada.

Quelli che mi amavano, mi assistevano, si prendevano cura di me, ridevano con me e mi insegnavano cose così da poter avere una vita meravigliosa e felice.

Sono stata benedetta oltre ogni misura conoscendo tutti voi. Questo è ciò che ha reso la mia vita degna di essere vissuta.”

“Se pensi a me e vorresti fare qualcosa in onore della mia memoria, fai questo:

“Se fumi, smetti “

“Se bevi e guidi – fermati”.

“Spegni lo smartphone e porta un bambino a prendere un gelato e parlagli delle loro speranze e dei loro sogni”.

“Perdona qualcuno che non lo merita.”

“Fermati a tutti i banchi di limonate gestiti dai bambini e fagli i complimenti “.

“Fai sorridere qualcuno se ne hai la possibilità “.

Le parole di questa donna dovrebbero far riflettere tutti sulle cose importanti della vita. Dobbiamo apprezzare le piccole cose e godere di ogni momento speciale come fosse l’ultimo.

Ti potrebbero interessare:


Ti è piaciuto? Allora condividilo con i tuoi amici

Una donna di 38 anni, ha scritto il proprio necrologio con un messaggio che tutti dovremmo leggere