Un passeggero apre l’uscita di emergenza di un aereo a causa del caldo (e fa aprire lo scivolo)

A volte delle persone possono manifestare degli atteggiamenti così incoscienti che possono davvero trasformare una normale situazione in qualcosa di incredibilmente pericoloso. Una vicenda avvenuta da poco tempo sta sconvolgendo tantissime persone, per quello che si è rivelato un comportamento davvero irresponsabile.

Un passeggero di un volo tra la capitale della Russia, Mosca e Antalya, una città della Turchia ha creato una situazione davvero problematica, mentre aspettava che il suo velivolo decollasse. In questo periodo stiamo vivendo un’estate particolarmente calda, a prescindere dalle aree in cui abitiamo. L’uomo protagonista di questa storia si trovava in una condizione di difficoltà, dettata proprio dalle elevate temperature.


credit: Youtube/RT Play en Español

Lui stesso ha rivelato che l’aria condizionata della cabina dell’aereo non era in funzione e a causa di alcuni ritardi ha trovato insopportabile riuscire a resistere al calore che si era sprigionato all’interno dell’aeroplano. Molti viaggiatori dello stesso aereo si lamentavano di queste condizioni, ma uno di essi ha preso una decisione veramente deprecabile.

Dopo essersi alzato dal suo posto, si è recato verso l’uscita di emergenza dell’aereo, e senza chiedere il permesso a nessuno l’ha semplicemente aperta, per far entrare un po’ d’aria fresca all’interno dell’abitacolo. Ovviamente le uscite di emergenza di un aereo non sono progettate per far prendere aria ai passeggeri, così immediatamente si sono dispiegati i dispositivi di emergenza del velivolo.


credit: Youtube/RT Play en Español

Le telecamere dell’aeroporto hanno ripreso l’intera scena, mentre l’uomo apre lo sportello e subito si gonfia l’enorme scivolo di emergenza dell’aeromobile. Questa situazione ha creato uno stato di allarme generale che oltre a portare sul luogo le forze di sicurezza, ha anche obbligato allo sgombero dell’aereo. I passeggeri sono stati costretti ad imbarcarsi su un altro velivolo e il ritardo è stato protratto di altre 4 ore.

Ovviamente l’uomo è stato sanzionato per procurato allarme e forse in certe situazioni bisogna pensare di più alle conseguenze delle proprie azioni, piuttosto che lanciarsi semplicemente in quello che vogliamo. Sarebbe bastato chiedere ad un assistente di volo, per capire che aprire quegli sportelli non è proprio come abbassare il finestrino della macchina.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network: