Ti sei mai svegliato con la sensazione di cadere nel vuoto? Ecco la spiegazione

A tutti è capitato almeno una volta nella vita di sognare di cadere nel vuoto. Mentre siamo in un un profondo stato di rilassamento e dormiamo nel nostro letto, all’improvviso immaginiamo di precipitare. Ci svegliamo dallo spavento, e tiriamo un sospiro di sollievo quando realizziamo che si trattava semplicemente di un sogno.

A volte questo ci può scombussolare tanto da farci perdere il sonno, altre volte invece, passato lo spavento ci riaddormentiamo. Ciò cambia da individuo ad individuo, ma il fatto di provare questa esperienza è capitato proprio a tutti. A quanto pare esiste una spiegazione logica a questo fenomeno che si verifica mentre siamo a letto.


credit: pixabay/Pexels

La causa potrebbe essere ricondotta a un cosiddetto “mioclono”, al plurale “miocloni” o in generale “mioclonie”. Per mioclono si intende il verificarsi di uno spasmo o una contrazione muscolare improvvisa. Spesso sono legati a stimoli e impulsi inviati dal cervello, in un momento di particolare rilassamento. Una volta che questi impulsi arrivano al muscolo, creano una sua contrazione involontaria.

Quelle che avvertiamo durante il sonno, anche quando non sogniamo di cadere, sono chiamate mioclonie notturne. Ci capita magari di riposare distesi su un fianco, e all’improvviso avvertire uno spasmo in qualche muscolo delle gambe, che ci porta a sussultare. Ecco, secondo alcune ricerche, la sensazione di precipitare durante il sonno può avere come fattore scatenante proprio un mioclono.


credit: pixabay/StockSnap

Durante la fase REM, quando il sonno è più profondo, può avvenire una di queste contrazioni involontarie. La sfera onirica, ovvero quella dei sogni, interpreta il messaggio codificandolo nella sensazione di cadere nel vuoto.

Vogliamo puntualizzare come le mioclonie non sono un tipo di disturbo, piuttosto è giusto considerarle come dei sintomi. Inoltre quelle che noi abbiamo considerato sono esclusivamente quelle notturne, ma ne esistono di diverse categorie.


credit: pixabay/ThuyHaBich

Se avvengono di rado, non c’è nulla di cui preoccuparsi, è solamente una risposta fisiologica dell’organismo. Al contrario, se avvertite spesso questi sintomi, sarebbe opportuno sottoporsi ad un controllo, rivolgendosi ad uno specialista.