Questo è il percorso che una famiglia deve compiere ogni giorno per andare a scuola

Viaggiare in Africa e vedere animali selvatici come giraffe o zebre nel proprio habitat naturale è un’esperienza indescrivibile ed indimenticabile che, purtroppo, non tutti possono permettersi di vivere. Per la famiglia di questo video, invece, è la normalità. Corlette Wessels, madre di due figli, Zander e Elzette, 14 ed 11 anni, ha condiviso le immagini scattate durante il loro consueto viaggio verso scuola.

La famiglia, ogni giorno, attraversa la giungla africana e si imbatte in giraffe, zebre e tutti i tipi di animali selvatici. È un paesaggio incredibile, che molti di noi sognano e possono vedere soltanto nei film o nei documentari. Ed invece, per questa famiglia, è del tutto normale compiere i propri spostamenti in uno scenario simile. Corlette Wessels vive in Sud Africa ed il suo lavoro, ma anche la sua più grande passione, è proprio la fotografia naturalistica.


credit: youtube/Videlo

Pensate quanto deve essere meraviglioso, anche per i suoi bambini, poter assistere quotidianamente allo spettacolo della natura selvaggia ed incondizionata che il paesaggio sud africano offre. Sicuramente molti avranno pensato anche le insidie che si nascondono dietro un simile tragitto, ed infatti ambientarsi in un posto simile non deve essere affatto semplice, ma di certo la vista che si può ammirare dal proprio finestrino ripaga di tutti i sacrifici e di tutte le paure che si possono provare in un posto del genere, così diverso dal nostro mondo occidentale ormai fatto di grattacieli e cemento.

Se si pensa che la maggior parte dei bambini che vivono negli altri continenti più occidentali hanno la possibilità di ammirare animali come leoni o elefanti soltanto allo zoo, è sicuramente invidiabile la posizione di Corlette e della sua famiglia, che ha il privilegio di assistere al meraviglioso spettacolo della natura ogni giorno, semplicemente andando a scuola.

LEGGI ANCHE: Le persone hanno scambiato il proprio viso con quello dei loro tatuaggi. Le Foto dei risultati sono quasi inquietanti