Questo è ciò che accade al tuo corpo quando digrigni i denti

Il digrignamento dei denti è un disturbo involontario che purtroppo sta diventando sempre più comune nella nostra società. In questo articolo ti spiegheremo i danni che il bruxismo (termine medico usato per descrivere l’atto di digrignare i denti) provoca al corpo umano.

I ritmi sempre più serrati dello stile di vita contemporaneo comporta molto stress e quest’ultimo contribuisce alla diffusione del bruxismo. Questo disturbo involontario piò presentarsi sia nelle ore diurne che in quelle notturne, anche se più spesso si verifica mentre si dorme. Alcune ricerche mostrano che il bruxismo colpisce una fetta che oscilla tra il 10% ed il 20% della popolazione. Trattandosi di un disturbo involontario può avere alcune conseguenze sulla salute dell’intero organismo.

Cosa accade al nostro corpo? Il bruxismo può avere degli effetti negativi sul nostro corpo, vediamone alcuni: può causare ma di testa. Se infatti vi capita spesso di svegliarvi presto al mattino e di accusare dei dolori al cranio, può essere sintomo del fatti che durante la notte digrignate i denti.

Un altro sintomo del bruxismo è sicuramente accusare dolore ai muscoli facciali al risveglio. Digrignare i denti inoltre potrebbe consumare i denti. Molte persone digrignano i denti così forte da svegliare la persona che dorme accanto a loro; questo può danneggiare seriamente la struttura dei denti. Potrebbe anche succedere che si acquisisca un’alta sensibilità alle bevande calde e fredde. Con il consumarsi dei denti, questo può succedere, dunque se presentate questo sintomo potreste soffrire di bruxismo.

Digrignare i denti può influenzare anche il vostro riposo notturno, fino a dare problemi di insonnia. Il bruxismo può portare anche a disturbi alimentari come anoressia, bulimia o iperfagia. Inoltre questo disturbo provoca mal di orecchi perché il digrignamento dei denti influenza anche l’articolazione mandibolare che è collegata al canale uditivo.

Il bruxismo generalmente viene anche associato all’ansia e allo stress. Se queste condizioni sono avvertite dal soggetto nelle ore di veglia, è probabile che di notte digrigni i denti.

Cosa fare per prevenire il Bruxismo?
Secondo la Mayo Clinic ci sono alcuni rimedi che aiutano a prevenire o alleviare il digrignamento dei denti. Innanzitutto bisogna tentare di abbassare il livello di stress. Dedicatevi a qualcosa che amate fare e che vi rilassi, per esempio potreste fare un bagno caldo, ascoltare musica o fare esercizio fisico.

Il relax aiuta a prevenire il digrignamento dei denti. È importante anche evitare bevande o sostanze stimolanti, specialmente prima di andare a dormire. Potreste ridurre la quantità di caffè o the che siete abituati a prendere giornalmente e magari evitare di bere alcolici nelle ore notturne, perché sono fattori che favoriscono il bruxismo.

Imparate a prendervi cura del vostro sonno. Dormire bene infatti è essenziale per ridurre il digrignamento, cercate di dormire per almeno otto ore al giorno ed adottate tutte le misure necessarie per consentirvi di dormire bene, dal cuscino al materasso alla luce della stanza.

La maniera più diretta per sapere se soffrite di bruxismo è parlarne con il vostro partner, chiedetegli se sente del rumore durante le ore di sonno, così da poter contattare il medico ed informarlo correttamente sul vostro stato di salute. Andare dal dentista regolarmente inoltre è la cosa migliore che potete fare per ridurre al minimo il digrignamento notturno.

Importante: questo sito non fornisce alcuna consulenza medica ne ha l’obbiettivo di prescrivere l’uso di tecniche come forma di trattamento per problemi fisici o mentali senza la consulenza del medico, né direttamente né indirettamente. In caso di richiesta a tal fine di qualsiasi informazione su questo sito, non ci assumiamo nessuna responsabilità per tali atti. L’intensione del sito è solo quella di offrire informazioni di carattere generale per aiutare nella crescita e nello sviluppo personale.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network: