Perché è importante avere un umidificatore a casa?

Sono molto utili gli umidificatori, in ambienti secchi aiutano a mantenere il clima umido e riducono anche il rischio di infezioni per le persone che vi abitano. Inoltre aiutano a mantenere ben intatti i mobili di legno. Mantenere un ambiente sano all’interno della casa è fondamentale per la salute di chi vi abita, dato che molte persone umidificatori, proprio per questo motivo.

Ma siamo sicuri che funzionino davvero?
L’umidità, specie con l’arrivo del freddo, viene ridotta dall’uso di questi oggetti, che sono molto importanti e ci aiutano a mantenere nelle stanze che abitiamo un livello di umidità giusto e adeguato, che riesce a proteggerci da molti problemi, come improvviso raffreddori. Si tratta di oggetti molto diffusi, i quali agiscono sull’aria e le conferiscono un bel po’ di freschezza. Si consiglia, quando li si usa, di chiudere porte e finestre, per far sì che non si concentri un’atmosfera troppo umida nella camera.

credit: pixabay/asundermeier

Esistono alcuni tipo di umidificatore:
evaporativo: si tratta di contenitori riempiti con acqua su superficie calde della casa fino a quando l’acqua stessa evapora e riduce la secchezza dell’ambiente.

A vapore caldo: un tipo di umidificatore che riscalda l’acqua sino al punto di ebollizione in cui rilascia il vapore nell’aria. Si tratta di oggetti molto rumorosi e devono essere puliti con costanza.

Ad ultrasuoni: sono i più moderni e riescono a colpire l’acqua creando delle vibrazioni che formano, dal liquido, una densa nebbia di vapore freddo. Sono molto silenziosi e consentono che il nostro ambiente abbia una costante regolazione della temperatura. Inoltre sono molto economici e sono anche molti carini da vedere.

Altro trucco per mantenere il nostro ambiente fresco e asciutto è non superare i 22 gradi in bagno, i 18 in camera da letto, studio e salone, in cui possiamo arrivare a massimo 20 gradi. Per la cucina si consiglia di stare fra i 16 e i 18 gradi.