Partorisce due gemelli con la tonalità di pelle opposta e documenta la loro crescita sui social.

Questi gemelli sono nati con delle tonalità di carnagione completamente opposte. Da fuori possono apparire diversi ma sono dei gemelli a tutti gli effetti. Sabbiamo che tutti i bambini sono adorabili anche se possono essere molto diversi tra loro. Non importa quale sia il loro aspetto fisico, ciò che ogni genitori si augura per i propri figli è che siano sani.

Quando nascono dei gemelli ci si aspetta di vederli uguali o quanto meno molto simili, ma questo non sempre accade. Proprio questi gemelli neonati ne sono un chiaro esempio. Questi insoliti gemelli sono nati con una particolarità, la loro carnagione è molto diversa, agli antipodi.


Foto: Instagram/black_n_white_twins

Kanis ha la pelle nera come entrambi i genitori dei gemelli mentre la pelle di Kachi è estremamente pallida poiché affetta da albinismo. Si tratta di un evento molto raro che la mamma dei bambini e fotografa nigeriana-canadese Judith Nwokocha ha deciso di immortalare. Kamis e Kachi sono come una qualsiasi altra coppia di gemelli, tuttavia la loro pelle è ciò che li ha fatti distinguere da tutti.

Fortunatamente sono nati sani e senza complicazioni, la gravidanza ed il parto sono stati impeccabili. La loro peculiarità non è stata assolutamente un problema. La mamma era solo preoccupata per le eventuali difficoltà dei gemelli una volta cresciuti, rispetto a quello che la gente avrebbe potuto dire sulla loro differenza di carnagione.


Foto: Instagram/black_n_white_twins

In realtà con il tempo la donna si è accorta che si trattava solo di una sua paura perché la gente non lo ha mai fatto presente. Inoltre, il loro stile unico e inimitabile li ha resi famosi attraverso il loro account Instagram dove hanno quasi più di 8 mila follower. Lì la mamma posta molte foto particolare dei due gemellini. Sono una coppia davvero unica e la loro mamma e fiera di loro.

Potrebbe interessarti anche: Partorisce due gemelle di colore diverso. Tutti pensavano al peggio, oggi dopo 20 anni hanno raccontato la loro storia