Organo marino: lo strumento che trasforma le onde della Croazia in musica

Nikola Bašić, è un architetto, che nel 2005 ha progettato un luogo davvero magico oltre ogni immaginazione. Quello che questo geniale uomo ha fatto è stato creare una scalinata lunga circa 70 metri, a ridosso del mare, che con l’infrangersi delle onde, genera delle melodie.

Queste ovviamente sono uniche ed irripetibili e lo spettacolo che forniscono è davvero impressionante. Questo particolare luogo si trova in Croazia.

Ormai da anni è diventata una famosa meta turistica, per via della sua particolarità unica al mondo.
Immaginare di percorrere un tratto di lungomare e godervi il suono di questo stranissimo strumento musicale. L’effetto è quello di sentire un organo come se stesse suonando direttamente dagli abissi marini.

Questa particolarità è data grazie a 35 canne d’organo posizionate in maniera strategica all’interno del basamento e sia le onde che il vento, forniscono loro il “fiato” per emettere le loro straordinarie melodie.

Su internet un incredibile numero di video pubblicati da coloro che visitano questo luogo, ricevono moltissimi like e condivisioni, aumentando il prestigio e la fama di questo posto. La città in cui si trova si chiama Zara ed è una delle più antiche città del mondo, risalente infatti ad oltre tremila anni fa.

Durante la seconda guerra mondiale, questo luogo è stato quasi totalmente distrutti e tantissimi monumenti qui presenti, andarono perduti per sempre. Ma grazie a questa brillante e particolare idea, sono riusciti a ridare nuova linfa vitale a questo luogo, facendolo nuovamente conoscere a milioni di persone.

Inoltre, grazie alla sua lunghezza, questo è attualmente lo strumento musicale più grande del mondo, anche se rompe i canoni dei classici organi. Deve essere un vero spettacolo sedersi su queste gradinate e ascoltare i suoi del mare, accompagnati dalla sua musica.

Se vi trovaste quindi a passare per questa città, non dimenticare di fare una tappa forzata in questo tratto di lungomare, per ascoltare una melodia che non sentirete mai in nessun’altra parte del mondo.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network: