Non gli vendono pizza per non avere una macchina e lui torna con un’auto giocattolo

Le immagini esilaranti di un uomo che va ad ordinare una pizza alla guida di una macchina giocattolo, sono diventate nel giro di poco tempo virali sui social. In molti si sono chiesti il motivo per cui l’uomo si sia presentato a bordo di questa macchinina, e ora vi spieghiamo il perché. Durante il lock Down, in molti paesi, per evitare l’avanzare del corona virus, i protocolli sanitari hanno permesso ad alcuni ristoranti di riprendere l’attività, ma solo attraverso consegne a domicilio o ritiro sul posto del piatto.

In molte circostanze, il ritiro presso il locale avviene attraverso la macchina, in modo tale da evitare il più possibile contatti diretti con i clienti ed evitare inutili code. In una pizzeria del Messico, a Ciudad Reynosa, Tamaulipas, in occasione della festa della mamma, è stata lanciata una promozione a cui avrebbero avuto diritto soltanto le persone che andavano a ritirare la propria pizza in auto presso il locale.


credit: Youtube/Valentina Santi

Un uomo, nel tentativo di ricevere lo sconto, ha pensato, invece, di recarsi al locale a piedi, ma ovviamente, secondo le regole, gli è stato detto che non era possibile effettuare in questa modalità l’ordine e ricevere lo sconto, ma che avrebbe dovuto presentarsi a bordo del proprio veicolo. Il cittadino messicano, però, non ha voluto rinunciare ad ordinare il proprio pranzo, e per questo ha pensato bene di tornare alla pizzeria a bordo di una macchina giocattolo rosa.

Il video è stato girato da qualcuno che si trovava in zona ed ha subito fatto il giro del web, riscuotendo un gran successo, soprattutto nei commenti, che hanno sottolineato la creatività dell’uomo. Ovviamente i dipendenti della pizzeria, data l’ingegnosità e la testardaggine del cliente, non hanno potuto rifiutare di servirlo, e così l’uomo ha ottenuto ciò che voleva grazie alla sua simpatica trovata. Geniale, vero?

LEGGI ANCHE: Riesci a vederlo? Il serpente si “mimetizza” tra le scarpe e semina il panico in una famiglia australiana