Mettere a letto presto i propri figli fa bene alla salute mentale del genitore, lo dicono i pediatri


I pedriati confermano che mettere i bimbi a letto presto fa bene a tutta la famiglia. Si sa essere genitori, soprattutto se alla prima esperienza, può essere psicologicamente logorante e stancare molto i neogenitori.

Soprattutto conciliare la vita lavorativa è la vita familiare i primi tempi può apparire difficoltoso.

Ma a risolvere i problemi dei neogenitori stressati ci pensa questo nuovo studio, che consiglia di mettere i bambini piccoli a dormire presto per poter giovare anche essi di qualche ora di riposo.

Secondo lo studio, svolto dalla U.S. National Sleep Foundation, l’ente no-profit che si occupa dei problemi del sonno, i genitori che mettono i propri figli a letto subito dopo la cena, massimo alle 20.30, godono di una migliore salute mentale.

Anche i bimbi inoltre ne guadagnano in salute ed energia infatti i più piccoli a seconda della fascia di età hanno bisogno di dormire dalle 9 alle 13 ore.

Wendy Sue Swanson una pediatra statunitense ci spiega che la melatonina, l’ormone regola la veglia e il sonno, nei bambini intorno alle 20.00, momento in cui è per loro prendere sonno.

Il modo migliore per attuare questo piano è quello di far stancare i bambini durante il giorno con attività fisica e giochi e di non fargli usare dispositivi virtuali dopo le 19 in modo che il loro cervello non sia troppo stimolato dalle immagini virtuali.

Dopo di che una cena bilanciata è adeguata, non troppo pesante è quello che ci vuole prima di andare a letto. Dopo cena ci vuole un atmosfera riposante con luci soffuse e musica a basso volume. ,

Poi un bel bagnetto caldo e il resoconto della giornata e una bella storia possono aiutare. Per una vita quotidiana rilassante e serena sia per i genitori che per i bambini questa è una routine auspicabile.

credit source:  sleepfoundation.org ,  webmd.com

Ti potrebbero interessare:


Ti è piaciuto? Allora condividilo con i tuoi amici

Mettere a letto presto i propri figli fa bene alla salute mentale del genitore, lo dicono i pediatri