Mamma sorda ordina cibo al drive-thru e il dipendente si rifiuta di servirla con una nota scritta

Ci sono storie che fanno male e quella che vi raccontiamo oggi è una di queste. Rachel Hollis è una giovane madre dell’Oklahoma che dopo aver prelevato i figli dall’allenamento di hockey si è avviata nel vialetto del Burger King, al drive-thru, per fare il suo ordine.

Rachel è sorda e ha fatto quello che fa ogni volta per ordinare cibo al drive-thru, scrive il suo ordine sul telefono per facilitare la comunicazione con gli estranei.

Foto: youtube/KFOR Oklahoma’s News 4

Ed è sempre andata bene, ma stavolta le cose non sono andate come sempre. Rachel, infatti, dopo aver scritto l’ordine sul suo cellulare ha sollevato il dispositivo ponendolo sotto la vista del dipendente che ha fatto una insolita espressione che si è subito riflessa sulla donna.

La donna, percependo che qualcosa stesse per andare storto, ha cominciato a registrare tramite il telefono, e nel video si vede un dipendente consegnare alla donna un biglietto dicendo che è troppo occupato.

Rachel ha cercato in ogni modo di mantenere la calma, e quando è tornata a casa è scoppiata in lacrime, sfinita dalla bruttissima esperienza. Si è sentita fortemente discriminata.

Ma il noto fast food ha rilasciato una nota chiarendo subito l’accaduto: “Tutti i nostri clienti devono essere trattati in egual maniera, e avere un alto livello di cortesia nei nostri ristoranti.”

Il proprietario di quel punto vendita ha contattato subito la donna per scusarsi, il dipendente è stato licenziato e ha chiarito “tutti i nostri lavoratori saranno sottoposti a un ulteriore corso per garantire che abbiano una migliore sensibilità. Da noi tutti i clienti sono i benvenuti. Questo deve essere chiarissimo”.

Una storia particolare che ci porta a riflettere. Speriamo che situazioni di questo tipo non si verifichino mai più, in questo mondo siamo tutti uguali.

Potrebbe interessarti anche: La sposa inzia a fare dei gesti con le mani – Quando lo sposo vede cosa fa si commuove fino alle lacrime