Mamma 15enne mette in adozione il suo bimbo. 35 anni dopo scopre che si trova proprio dietro di lei

A 15 anni forse nessuno è pronto per diventare genitore, si è ancora troppo piccoli, nella fase adolescenziale della nostra vita e avere un bambino da crescere è un’enorme responsabilità. E questa è la storia di Stacey Faix, assolutamente impreparata a diventare madre, quando rimase incinta.

E pertanto prese la straziante decisione di dare in adozione il figlio appena nato. Pensate, una madre che dà in adozione il proprio senza mai o quasi averlo tenuto fra le braccia. È un dolore immenso.

I registri delle nascite andarono persi con un’alluvione e anni dopo, nel 2017, entrò in vigore una legge che avrebbe cambiato la vita di Stacey per sempre anche se in quel momento non riusciva ancora a capirlo.

Questo nuovo provvedimento, infatti, permetteva agli individui adottati di avere la possibilità di ottenere i certificati di nascita che contenevano i nomi di entrambi i genitori e così capita che l’anno dopo Stacey va a Pittsburgh per partecipare a una maratona al fianco del Team Red, White e Blue, un’organizzazione sociale che supporta i veterani militari.

Prima dell’avvio della maratona, mentre era sulla linea di partenza, riceve un biglietto misterioso che recita così: “Sono passati 13.075 giorni dall’ultima volta che mi hai visto, non volevo farti ancora attendere”.

Nel video possiamo vedere l’incontro che è seguito subito dopo fra madre e figlio, Stacey si gira per capire chi le ha passato quel biglietto e vede il figlio 35 anni dopo.

L’emozione è grandissima e le immagini hanno colpito tutto il mondo. L’amore si una madre per un figlio non finisce mai.

Questa è una storia incredibile che dimostra come il legame fra figlio e genitore può sempre trascendere il tempo.

E voi cosa ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti e condividete con i vostri cari questo articolo. L’umanità ha ancora speranza se riparte da piccoli grandi gesti come questo.

Credit image: Youtube

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network: