L’insegnante escogita un modo per porre fine all’uso dei cellulari in classe – ma non tutti apprezzano l’idea


Quest’insegnante di scuola superiore è stanca degli alunni che usano i loro cellulari in aula, così insiste affinché li mettano da parte, rinchiusi in armadietti.

Cercare di concentrarsi e imparare a scuola quando tutti giocano con i loro cellulari non è di certo facile.

Così l’insegnante di fotografia Micheal Lee, visto che i suoi studenti si affrettavano a finire il compito per poter giocare con i loro telefoni si è indispettito.

Infatti la fotografia non può essere eseguita in maniera corretta se fatta in maniera affrettata.

Quindi ha fatto qualcosa di nuovo mai provato prima nella scuola, provando una nuova tattica.

Siamo alla Lewis and Clark High School di Spokane nello stato di Washington.

L’insegnante ha portato in classe degli armadietti dove riporre i cellulari durante l’ora di lezione, perché tiene molto al fatto che i suoi studenti imparino realmente qualcosa durante le sue ore e non possono di certo farlo con i cellulari in mano che squillano di continuo e attirano la loro attenzione.

I genitori dei ragazzi si sono detti molto entusiasti di questa trovata e i ragazzi sono molto più concentrati nella loro attività, come è giusto che sia.

Si sta animatamente dibattendo sulla politica adottata dall’insegnante, alcuni ritengono che sia eccessiva, mentre altri si dicono molto d’accordo.

È purtroppo un dato di fatto che gli smartphone abbiano preso il sopravvento sull’attenzione di grandi e piccini e non è di certo un bene, in quanto toglie molto tempo ad attività necessarie, funzionali e molto più importanti di vegetare con in mano uno smartphone per ore intere.

La presa di posizione dell’insegnante per alcuni è sembrata esagerata, voi cosa ne pensate? Siete d’accordo con la trovata del professore?

Lasciateci la vostra opinione nei commenti.

Credit: CBS Philly

Ti potrebbero interessare:


Ti è piaciuto? Allora condividilo con i tuoi amici

L’insegnante escogita un modo per porre fine all’uso dei cellulari in classe – ma non tutti apprezzano l’idea