Lascia dei sacchetti fuori la sua pasticcieria. Il gesto del pasticciere sardo per i più bisognosi.

Condividi sui tuoi social:

Nicola Loi è il titolare della pasticceria “Milky’s Dream Bakery” di Quartu Sant’Elena, in Sardegna, ed ogni sera, prima di chiudere il proprio locale, offre ai più bisognosi i suoi dolci.

Nicola con tutto il suo staff, dopo la chiusura, lascia a disposizione di chi ne ha bisogno tutti i dolci invenduti, che altrimenti andrebbero sprecati. Un gesto molto semplice ma di grande generosità che regala un momento dolce anche a chi, per problemi economici, non potrebbe mai permettersi neanche il lusso di un piccolo bignè.

La pasticceria ha annunciato l’iniziativa attraverso la piattaforma facebook e tutti i cittadini ne sono rimasti entusiasti e hanno molto apprezzato l’idea che, oltre a combattere lo spreco alimentare, regala un sorriso a chi non ha le nostre stesse possibilità.

Sono tanti i commenti di chi applaude Nicola ed il suo staff per la bella idea, ma c’è anche chi, però, fa notare che i dolci potrebbero essere presi da chi non ne ha realmente bisogno, ma la pasticceria confida nell’onesta dei concittadini.

Questa è un’iniziativa dalla quale tutti noi dovremmo prendere spunto. Conosciamo già iniziative come il caffè sospeso a Napoli o quelle di molte altre attività che a chiusura, proprio come la pasticceria di Nicola, lasciano a disposizione di chi ne ha bisogno le proprie risorse.

Purtroppo, soprattutto in inverno, sono tantissimi i senza tetto costretti a passare le giornate, ma soprattutto, la notte al freddo, e gesti come questo potrebbero aiutare a sensibilizzare le persone per dare un aiuto concreto.

Quando non si ha niente, anche il gesto più semplice è capace di regalare un sorriso.

L’iniziativa di Nicola e di tutto lo staff di “Milky’s Dream Bakery” è sicuramente apprezzabile, molti si auspicano che iniziative come queste, fossero fatte anche in altre città.

Intanto Nicola oltre a fare un bel gesto, ha mandato un bel messaggio, speriamo che altri possano fare nella propria città ciò che lui ha fatto a Quartu Sant’Elena

Potrebbe interessarti anche: Candreva cuore d’oro: pagherà la mensa a tutti i bambini poveri del paese. Ma non è il primo gesto di bontà del calciatore


Condividi sui tuoi social: