L’anziano fa i suoi bisogni nei pantaloni all’interno del negozio, il personale lo circonda ma la donna preserva la sua dignità

Non è bello quando ti imbatti in storie e persone che ti danno istantaneamente speranza nell’umanità?

Bene, questa è una di quelle storie, quindi continua a leggere.

Questa storia riflette la forza e il legame che le persone hanno ancora fra loro , nonostante tutti i conflitti che si verificano nel mondo. Momenti di solidarietà come quelli di Lisa con un uomo che aveva bisogno di aiuto, e in seguito lo staff del negozio sono un’ulteriore prova del fatto che “noi umani ci vogliamo ancora bene l’un l’altro”.

Lisa Lemming Jackson, una donna della Georgia, USA, un giorno faceva shopping al supermercato quando improvvisamente si è imbattuta in un uomo bisognoso.

Era un vecchio uomo i cui occhi riflettevano il panico, ma Lisa non sapeva perché.

Quando si fermò per osservarlo, si rese conto che qualcosa non andava.

Leggi le parole di Lisa stessa su cosa è successo nel seguente paragrafo:

“Ho passato due ore con un anziano a Kroger. Tutto è iniziato quando gli ho sorriso e l’ho guardato negli occhi.
Mentre passavo mi ha dato l’impressione che avesse bisogno di qualcosa. Ho ripercorso i miei passi e ho chiesto se avevo bisogno di aiuto. I suoi occhi erano pieni di lacrime e ha detto quanto segue:

– Ho il cancro al colon e ho avuto un incidente. Se mi alzo, tutti capiranno cosa posso fare?

L’aspetto di quella dignità perduta mi ha lasciato l’amaro in bocca.

Poi il personale di Kroger ha tirato fuori delle salviettine, biancheria intima e con discrezione lo ha portato nel bagno dei dipendenti dove gli hanno dato dei vestiti “.

“Ha pianto e si è scusato, ha detto che aveva fretta perché sua moglie era sola a casa.

Quando siamo andati al registratore di cassa abbiamo visto il suo acquisto in borse già pagate. Ha iniziato a piangere più forte. ”

“L’uomo ci ha spiegato che aveva combattuto in Vietnam e nella guerra di Corea e che amava il suo paese. Ma oggi credeva che il suo paese lo avesse dimenticato.

Entrambi abbiamo pianto e condiviso i miei problemi e le paure con lui. Mi ha offerto alcune parole sagge e sono stata incoraggiata dal fatto che forse gli esseri umani si preoccupano ancora l’uno dell’altro. “

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network: