La tenera reazione di un asino dopo essere stato liberato per la prima volta

Tanti animali vivono condizioni tremende e affrontano ogni giorno grandi problemi. Di recente ha fatto il giro del mondo, grazie alla diffusione sui social network, la clip di un asino che riesce a gustare la libertà per la prima volta nella vita.

Questo animale si chiama Leonardo e per tutta la sua vita è stato costretto a subire i vincoli orrendi imposti dai suoi proprietari. Moltissimi animali nel mondo, sono vivono in cattività, ma questo non implica che debbano essere tenuti in condizioni di vita davvero tremende.

Ci sono migliaia di esseri viventi che non hanno la più pallida idea di cosa sia la luce del sole o semplicemente cosa voglia dire correre sull’erba. Questo video è stato pubblicato online da Ismael Lòpez Dobarga, fondatore del luogo in cui finalmente si trova Leonardo.

L’animale ha dovuto vivere in uno spazio ristrettissimo, non conoscendo cosa volesse dire essere libero. Quando finalmente è stato salvato e portato lontano dalle quattro mura che per tutta la vita lo hanno tenuto imprigionato, la sua reazione è stata incontenibile.


credit: Instagram/ismaeldobarganes

L’animale ha cominciato a ragliare in maniera incredibile, come se stesse cercando di urlare tutta la sua gioia. Non deve essere facile riuscire a rispecchiarsi in una situazione simile, ma osservare come finalmente, questo asino riesce a riguadagnare il suo diritto alla vita e alla libertà, è qualcosa che lascia il segno.

Moltissime persone sono perfettamente d’accordo sulla questione, e quando il proprietario del santuario per animali, in cui è stato condotto Leonardo, ha condiviso le scene della liberazione dell’animale, ha fatto commuovere decine di migliaia di utenti della piattaforma social.

Bisogna essere veramente crudeli per non consentire ad un altro essere vivente di scoprire cosa voglia dire vivere. Esistono molti modi per trattare un animale, ma sicuramente quello di tenerlo lontano da ogni forma di “vita decente” non è quello corretto.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network: