Il primo uomo con braccia e spalle trapiantate può già flettere i bicipiti

In molti film e serie televisive abbiamo assistito a persone che, private delle braccia o delle gambe, si sono semplicemente fatte trapiantare dei nuovi arti, ottenendo perfettamente le loro vecchie capacità motorie. Nella vita purtroppo non è così, tuttavia siamo davvero arrivati ad un buon punto per aprire una porta e una speranza anche in questo settore.

Felix Gretarsson, lo scorso gennaio ha subito un doppio trapianto di braccio e spalla. Questo è stato il primo al mondo e rappresenta un evento davvero pionieristico in questo settore della medicina. Quest’uomo perse le braccia nel 1998 a causa di una scossa da 11 mila volt, subita durante la riparazione di una linea elettrica.


credit: Youtube/RT en Español

Felix ha avuto delle ustioni talmente gravi e fratture e lesioni interne di una intensità tale, che l’unica soluzione possibile era stata l’amputazione di braccia e spalle. Per questo intervento sono state necessarie 54 operazioni, ed è dovuto rimanere in coma farmacologico per 3 mesi.

Oltre 20 anni dopo questo terribile incidente, una nuova procedura medica gli ha permesso di sperare di riottenere la sua vita. L’intervento di trapianto è durato 15 ore ed è stato effettuato in Francia, da un chirurgo di fama mondiale, il dottor Jean-Michel Dubernard.


credit: Youtube/RT en Español

Ovviamente anche ad intervento riuscito, non c’era modo di sapere se Felix avrebbe potuto riguadagnare la mobilità e la sensibilità delle braccia. In media i nervi crescono di circa un millimetro al giorno e questo significa che per arrivare alle sue mani sarebbero occorsi almeno due anni.

Sembra però che solamente a sei mesi dall’intervento, quest’uomo 49enne islandese riesca a muovere le braccia. Un traguardo davvero importantissimo, che apre moltissime chance per coloro che subiscono amputazioni di questo genere.

Sfortunatamente il medico che si è occupato di questo importantissimo trapianto non ha potuto gioire del risultato raggiunto dal suo paziente, a causa della sua improvvisa scomparsa a pochi giorni da questa lieta notizia.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network: