Il modo più semplice per pulire le tue persiane senza smontarle

Tra le pulizie della casa, ne esistono alcune che proprio ad alcuni non vanno assolutamente a genio. Tra le più fastidiose e pesanti da eseguire, tra le prime posizioni troviamo sicuramente la pulizia delle serrande. Sicuramente un’operazione non semplice da eseguire e anche molto noiosa, ma alla quale bisogna prestare la giusta attenzione in quanto al loro interno si può annidare molta polvere, causando reazioni allergiche indesiderate.

Oltretutto, effettuando una manutenzione regolare, sarà possibile mantenerle pulite più a lungo evitando inoltre di faticare ogni volta che le dobbiamo pulire. Seguendo qualche semplice accorgimento infatti, saremo in grado di mantenere le nostre serrande sempre in perfette condizioni, evitando inoltre di affaticarci.


credit: pixabay/LoggaWiggler

1. Costanza
È vero, le serrande si sporcano con estrema facilità e velocità, in quanto sempre a contatto con gli agenti esterni. Proprio per questo motivo, per riuscire a fare durare più a lungo la loro pulizia, è consigliabile effettuarla in modo regolare, prendendosi un tempo di circa due settimane, in modo tale da non faticare troppo ogni volta.

2. Eliminare la polvere
La prima cosa da fare, quando andiamo a pulire le nostre serrande, è cercare di eliminare la maggiore quantità di polvere depositata su di esse. Un ottimo aiuto in questo caso può esserci dato dall’aspirapolvere, utilizzando la spazzola in dotazione.


credit: pixabay/Clker-Free-Vector-Images

3. Usare prodotti specifici
Ci sono varie tipologie di serrande, create con materiali differenti ed è opportuno utilizzare il prodotto per la pulizia apposito per quel tipo di materiale, in modo tale da non rovinarle. Ad esempio per quelle in legno, è consigliabile utilizzare cere ed oli che non vanno a rovinare il prodotto, o in caso i detergenti per il parquet.

Per quanto riguarda quelle in plastivo o PVC invece, ci sono varie possibilità; la classica pulizia con acqua e sapone oppure si può optare per delle soluzioni naturali, come ad esempio l’utilizzo di aceto bianco o bicarbonato di sodio.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network: