Il “Dito di ghiaccio” che congela ogni cosa sul suo cammino (VIDEO)

Sotto la superficie dei mari ghiacciati esistono dei fenomeni conosciuti con il nome di “dita della morte”. Questi sono anche detti “brine icicles brinicles” e secondo la scienza si tratta di vere e proprie stalattiti di ghiaccio.

La loro particolare forma li fa assomigliare a dei tubi che scendono lungo gli oceani, ma creati interamente di ghiaccio.

Questi fenomeni si formano quando una corrente molto fredda di acqua salina entra in zone di acqua oceanica e la loro dimensione varia da pochi centimetri a diversi metri.

L’esistenza di questo curioso fenomeno è avvenuta intorno agli anni ’60, ma fino ad oggi non è stato possibile documentarlo con una fotocamera e la maggior parte della popolazione mondiale non ne era minimamente a conoscenza.

Man mano che questa manifestazione prende corpo e raggiunge il suolo, può formare un lungo fiume di ghiaccio che congela istantaneamente qualunque cosa tocchi. Questo fenomeno è qualcosa di molto raro, dato che si verifica solamente nelle regioni polari e durante l’inverno, quando la temperatura del mare si aggira intorno ai -40°C e quella dell’oceano ai -2°C.

Due esperti del settore delle registrazioni naturali, Hugh Miller e Doug Anderson, hanno immortalato da vicino questi avvenimenti e hanno dato modo al mondo di scoprire quanto insolito può essere un simile fenomeno.

Osservare da vicino queste stalattiti di ghiaccio è davvero qualcosa di incredibile e molti scienziati hanno apprezzato di poter vedere qualcosa che, da oltre 50 anni, attende di essere registrato.

I movimenti di questi giganteschi “ghiaccioli” sono qualcosa di straordinario e bisogna prestare molta attenzione a non entrarvi in contatto.

Il duo che ha registrato questo incredibile evento ha rivelato che non è stato affatto semplice riuscirci, ma che sono fieri di quanto hanno fatto, per consentire a tante persone di scoprire qualcosa in più sul mondo che abitiamo.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network: