Il corto della Pixar sull’amicizia tra un pitbull e un gattino randagio ha già fatto commuovere milioni di persone

Condividi sui tuoi social:

La Pixar pubblica ‘Kitbull’, un nuovo cortometraggio sull’amicizia fra un Pitbull maltrattato ed un gatto randagio, che vivono a stretto contatto.

Il commovente corto è stato diretto da Rosana Sullivan e prodotto da Kathryn Hendrickson e racconta una commovente storia di amicizia formatasi nelle circostanze più tristi.

La storia inizia con un gattino randagio dagli occhi grandi che gira per un quartiere per trovare un rifugio in una scatola di cartone o in un vicolo. Qui incontra un pitbull, che subisce abusi dalle mani del suo proprietario dal cuore di pietra.


credit image: youtube

In molti modi, sembra che il corto cerchi di sfatare lo stereotipo secondo cui i pitbull siano violenti e sta cercando di romperli, dimostrando che questi cani hanno un buon cuore, a differenza di molti dei loro proprietari.

All’inizio dell’animazione, il gattino nero randagio si allontana dal cane e mostra paura. Tuttavia, l’animazione mostra in seguito la bontà del cane, che salva il gatto bloccato.


credit image: youtube

Il cortometraggio stesso è magnificamente disegnato, e alcune delle persone che hanno commentato al di sotto del video, hanno persino pensato che ciò che ricorda lo il corto Ghibli’s Spirited Away. La produttrice dell’animazione, Kathryn Hendrickson, ha detto che l’animazione è stata disegnata in 2D, che è “diversa da quelle che normalmente produce la Pixar”.


credit image: youtube

Il tema affrontato é sicuramente attuale e tragico e proprio per questo è arrivato dritto ai cuori delle persone che si sono commosse in massa.


credit image: youtube

Del resto chi vive a stretto contatto con un animale è chi ha rispetto per la vita e la biodiversità non può che essere sensibile al tema del randagismo e del maltrattamento sugli animali.

Come hai trovato questo nuovo corto della Pixar? Facci sapere cosa ne pensi tramite l’apposita sezione, quello che hai da dire ci interessa.


Condividi sui tuoi social: