I medici dicono di dire addio al marito, lei lo bacia ma poi sente qualcosa


Scott Hawkins aveva solo 37 anni quando il suo intero mondo si trasformò in un incubo.

Scott ha avuto un grave ictus mentre sua moglie Danielle non era in casa.

Suo marito era a casa con i loro figli quando Danielle ha ricevuto una telefonata che non dimenticherà mai.

Scott ha chiamato Danielle dicendole di avere un grande mal di testa e qualcosa che non andava.

I due hanno quindi chiamato di corsa un ambulanza che poco dopo lo ha portato in ospedale.

Quando le squadre mediche di emergenza hanno caricato Scott sull’ambulanza, la sua pressione sanguigna è aumentata, causando la presenza liquido nei polmoni.

I medici di emergenza hanno dovuto intubare Scott nell’ambulanza.

Quando la coppia è arrivata all’ospedale, i medici hanno incoraggiato Danielle a chiamare il resto dei membri della famiglia.

Le è stato detto che probabilmente suo marito non ce l’avrebbe fatta.

Scott aveva avuto un aneurisma artero-venoso. L’aneurisma, che aveva dalla nascita, ha causato un ictus.

Quando i chirurghi hanno tentato di fermare l’emorragia al cervello, Scott ha avuto un infarto durante la procedura, secondo Health Beat.

Dopo l’operazione, Scott è rimasto in coma per una settimana.

I medici le hanno detto che a questo punto, probabilmente non si sarebbe mai svegliato. A Danielle è stato detto che suo marito probabilmente non avrebbe riacquistato mai coscienza.

“Mi hanno detto di lasciarlo andare”, ha detto Danielle.

Ma lei ha rifiutato di credere alla loro prognosi devastante.

Invece di staccare la spina e andare via, Danielle si sporse per baciare il marito morente.

Mentre portava le labbra sul suo corpo senza vita, sentì qualcosa che non si sarebbe mai aspettata: Scott la baciò.

Forse Danielle lo stava immaginando, ammette. Ma quel piccolo segno era abbastanza per lei in cui credere, abbastanza per mantenere la speranza viva e abbastanza per cambiare per sempre il corso delle loro vite.

Con la nuova speranza, Danielle ha combattuto per mantenere Scott in vita, determinata a dimostrare a tutti che si sarebbe ripreso .

La sua convinzione è stata lentamente confermata. Dopo cinque settimane di riabilitazione polmonare, Scott non aveva più bisogno di una macchina per respirare.

Sembrava rispondere alle richieste della moglie.

Danielle sapeva che se Scott avesse cercato di parlarle, non sarebbe stato in grado di farlo a causa della sua tracheotomia, un’incisione nella trachea creata per alleviare l’ostruzione alle vie respiratorie.

Ma con un atto di fede, Danielle ha coperto le vie aeree create chirurgicamente nel collo di Scott – e lei con fatica ha comunicato con lei.

“Le prime parole furono, ‘Ti amo,’ e poi , ‘prendimi i farmaci antidolorifici.’

Con questa prova indiscutibile della sua volontà di combattere, i medici hanno finalmente iniziato a credere in Scott.

Presto fu trasferito al centro di riabilitazione e infermeria di Spectrum Health. Scott è arrivato lì in un’ambulanza e ha trascorso sei giorni alla settimana in riabilitazione per le successive 16 settimane.

Terapisti e medici hanno utilizzato musicoterapia e strumenti, spesso in co-trattamento con la parola.
Alla fine, dopo 16 settimane, Scott stava andando a casa – e stava per farlo con le sue gambe.

Salì su una barella muovendo solo la mano destra, e lasciò l’ospedale camminando con un deambulatore con una mano in aria che diceva ‘Rock on’.

Danielle loda lo staff di Spectrum per la pronta guarigione di Scott.

Inoltre, Danielle non ha mai lasciato il marito. Ha offerto supporto, incoraggiamento e persino amore tenace quando necessario.

Danielle credeva fermamente che sarebbe guarito. Anche quando le hanno detto di chiamare la famiglia quella prima notte. Non ha mai creduto che Scott sarebbe morto.

Scott deve ancora recuperare per un tempo molto lungo, ma sta facendo progressi, passo dopo passo.

Ti potrebbero interessare:


Ti è piaciuto? Allora condividilo con i tuoi amici

I medici dicono di dire addio al marito, lei lo bacia ma poi sente qualcosa