I cani sentono freddo ed i dipendenti della stazione dei bus li aiutano così

Condividi sui tuoi social:

Dal Brasile arriva una storia che scalda il cuore. Dei poveri cani randagi erano in strada in balia del gelo e del maltempo e così degli uomini di buon cuore gli hanno concesso come riparo alcuni vagoni dei treni all’interno di una stazione.

Infatti in caso di temperature estreme, troppo alte o troppo basse che siano, anche gli animali proprio come gli uomini, e forse ancor di più, hanno bisogno di ripari adeguati perché le condizioni climatiche così avverse potrebbero diventare fatali.

Ma per fortuna esistono ancora brave persone che hanno a cuore la vita umana e animale e che hanno fatto un enorme gesto di gentilezza nei confronti di questi animali poco fortunati.

Il gesto ha poi colpito positivamente un politico del posto di nome , Fabiane Rosa, grande amante degli animali, che ha deciso di condividere sui suoi social la vicenda commovente.

Ha speso dolci parole per i dipendenti della stazione, elogiandoli congratulandosi grandemente con gli impiegati di quel terminal della stazione e invitando tutte le aziende della cittadina brasiliana, Curitiba, ad adottare atteggiamenti simili per il bene dei meno fortunati, proponendo di adottare delle mascotte per le proprie aziende, fra i cani randagi.

In questo modo, in maniera indiretta, gli animali possono ricevere anche delle cure, delle tutele e una compagnia umana a loro molto gradita.

Ma esistono, inoltre, diversi modi per aiutare un animale randagio, non è necessario avere a disposizione un grande spazio come una stazione degli autobus.

Prima di tutto é necessario avvisare chi di dovere della presenza di un cane o un altro animale in difficoltà. Potrebbero essere cani già segnalati e sotto tutela di qualcuno.

Fornirgli acqua e cibo è fondamentale per salvare gli animali dalla morte.

Inoltre occorre, soprattutto, mettere i cani al riparo o trovare comunque una soluzione se non si possono portare gli animali a casa con sé.

[credit: Facebook (h/t) ]


Condividi sui tuoi social: