Hidey è stato ritrovato a casa di un’anziana signora, ed è stato soprannominato gatto polpo per le condizioni in cui è stato trovato. La sua storia

Condividi sui tuoi social:

Capita spesso che molti animali siano costretti a vivere in condizioni terribili non per volontà del padrone ma perché questi sono troppo anziani per prendersene cura adeguatamente.

Gli animali quindi vivono esperienze che li segnano per sempre. Questa è la storia di Hidey, trovata insieme a un altro gatto a casa del loro padrone, a Pittsburgh.

Foto: Facebook/Humane Animal Rescue

La sua situazione era giunta al capolinea, infatti, era in forte obesità e il pelo era troppo folto e annodato, al punto da rendere la sua esistenza invivibile.

La spiegazione della sua condizione è incredibile e molto triste. Il padrone di Hidey era malato di alzhaimer. E pensate, solo dopo esser stato messo in una casa di riposo si era ricordato di avere due animali in casa, lasciati da soli nell’abitazione fino a quando un ricordo non è brillato nella mente del padrone.

Paul ha riferito a The Dodo tutto e così sono andati a casa dell’anziano dove hanno trovato i due gatti. All’inizio tutti credevano, dopo averlo visto, che il gatto di Hidey fosse ricoperto da una sorta di lenzuolo, in realtà il suo pelo era così annodato e intrecciato che sembrava avesse tante code.

Assomigliava, insomma, più a un polpo che a un gatto e i sanitari hanno deciso di raderle tutto quel pelo in eccesso, e l’hanno fatto sotto anestesia, per garantire una minore sofferenza all’animale.

Il pelo in eccesso pesava 1 kg e l’animale, in tutto quel tempo, aveva trasportato tutto quel peso inutilmente, riuscendo a stento muoversi.

Paul ha deciso di adottare l’animale dandogli tutte le cure di cui ha bisogno. E’ molto importante prendersi cura degli animali che si adottano, preservare la loro salute e il loro igiene, per il bene dell’animale stesso e di chi vive con lui.

Potrebbe interessarti anche: La pecora persa dal contadino viene trovata dopo 6 anni. La tosatura da record. (Foto)


Condividi sui tuoi social: