Gli esperti concordano sul fatto che dovresti lasciare alzati i tergicristalli del parabrezza quando è in arrivo una tempesta

Ma attaccare i tergicristalli come un paio di braccia che si protendono verso il cielo quando è in arrivo brutto tempo è una scelta saggia o no? Se vivi in una zona in cui nevica molto durante l’anno, forse sei entrato anche tu in una situazione del genere.

Ci sono persone che amano lasciare i tergicristalli sollevati durante una tempesta di neve, altri alo fanno per far sì che poi pulire il vetro sia ancora più facile. Altri ancora usano una combo che prevede sbrinamento dell’auto e un metodo di raschiatura fai da te. Un metodo, questo molto particolare, che permette di evitare i tergicristalli attaccati o incollati al vetro quando ghiaccia tutto.


credit: pixabay/bluebudgie

Ma perché lasciamo i tergicristalli su nei giorni di neve? Semplicemente perché quando abbiamo a che fare con raffiche di vento o con altri fenomeni che possono far male al nostro veicolo, questi tergicristalli impediscono agli oggetti in questione di entrare in contatto con la nostra auto. Un aiuto non da poco.

L’angolazione dei tergicristalli contribuisce anche a far sì che non vi sia una precoce usura del meccanismo di rotazione degli stessi che si consiglia di lasciare sempre a riposo quando abbiamo a che fare con un maltempo fuori dal comune. In ogni caso, c’è anche chi dice che è giusto lasciare i tergicristalli liberi di muoversi in continuità e di togliere la neve con le mani, magari con un pezzo di cartone o con una spazzola apposita.


credit: pixabay/kerttu

Ancora c’è chi dice di lasciarli abbassati e di coprire le lame con un involucro in plastica prima che scenda la neve. Di soluzioni ce ne sono tante e siamo proprio curioso di sapere tu quali usi e quali ami prendere in considerazione. Dicci la tua, di metodi come questo ce ne sono tanti.