Giovane salva la vita ad una cibelina che stavano per trasformare in un cappotto

Una ragazza di nome Zhenya ha trovato casualmente su Internet la foto di uno zibellino, un piccolo animaletto peloso e si è immediatamente innamorata di lui. Questi animali sono molto teneri, ma da tantissimo tempo sono una merce ambita per i produttori di pellicce.

Zhenya non riusciva a credere che questo animale venisse utilizzato per creare dei vestiti, così senza pensarci due volte ha deciso di comprarlo e adottarlo come un vero e proprio animale domestico.

Questa particolare specie è da molto tempo al centro dell’attenzione di persone senza scrupoli che vedono in loro solamente un sistema per aumentare i propri introiti, grazie alla vendita della loro pelle.

Sono in molti i paesi del mondo in cui simili creature vengono allevate come “merce”, ad esempio la Russia e la Polonia. Zhenya ha invece scelto di dare a questo piccolino una seconda chance ed ha voluto mostrare al mondo quanto possano essere magnifici, come animali domestici.

I video e le immagini che mostrano questo animale nella sua nuova casa hanno intenerito i cuori di migliaia di persone. Zhenya ha spiegato che è stata necessaria molta pazienza per riuscire a raggiungere il rapporto che ha adesso con il suo amichetto peloso, ma che ogni singolo secondo di fatica ne è valso la pena.

In natura questi animali sono abituati a vivere in habitat boschivi, ma il piccolo di questa storia si è adattato incredibilmente bene alle comodità della sua nuova casa. Sono animali molto attivi e necessitano di parecchia attività fisica, pertanto è normale vederlo arrampicarsi in qualunque angolo della casa.

A volte si arrampica in posto impensabili solamente per schiacciare un pisolino, anche se in questo non è molto diverso da un gatto. Ovviamente Zhenya si è rivolta ad un veterinario esperto, che le ha potuto consigliare la dieta migliore per dare a questo animaletto tutti gli apporti vitaminici e proteici di cui ha bisogno.

Zhenya spera che la sua storia possa sensibilizzare quante più persone possibile, in modo da condizionare l’industria della moda e giungere finalmente ad una realtà in cui per far apparire più “eleganti” le persone, non sia necessario far soffrire milioni di animali diversi.

Related Posts