Elimina le macchie dai tuoi materassi con questi 3 consigli della nonna

Ognuno di noi ha le sue preferenze rispetto al materasso su cui si trova meglio a dormire, che sia questo più o meno duro, a molle o in memory foam. La cosa certa è che qualunque sia la tipologia, bisogna che la sua cura e manutenzione sia impeccabile. In questo modo, nel momento in cui ci stenderemo sul nostro letto per riposarci, saremo sicuri di adagiarci in un luogo pulito senza alcuna paura. Ecco allora dei semplici metodi che ci daranno la possibilità di preservare la qualità del prodotto, ridonandogli inoltre la pulizia senza che questo si danneggi.

La prima cosa da fare, è far arieggiare il più spesso possibile il materasso. Ogni volta che andiamo a sostituire le lenzuola, lasciamolo scoperto, anche per un paio d’ore e successivamente andiamo a pulirlo con l’aiuto di un’aspirapolvere, in modo tale da liberarlo da polvere acari e batteri presenti, che possono essere dannosi per la nostra salute. Inoltre è consigliabile fargli arrivare più spesso possibile i raggi del sole. Ma come rimuovere le macchie dal nostro materasso?


credit: pixabay/Ebowalker

Acqua e sapone
Se sono presenti sul nostro materasso macchie ostinate, con l’aiuto di una flacone con erogatore spray, inumidirlo leggermente con acqua e sapone, prima di trattarlo con altri prodotti.

Aceto bianco
Dopo l’acqua saponosa possiamo provare ad utilizzare l’aceto bianco, applicandolo sul materasso con il bicarbonato di sodio. Attenzione perchè l’odore dell’aceto si può insinuare nel materasso.

Perossido di idrogeno
Se l’aceto ha per voi un odore troppo forte, è possibile utilizzare il perossido di idrogeno (acqua ossigenata), che andremo a miscelare con del detersivo per piatti e bicarbonato di sodio da far sciogliere in acqua. È possibile aggiungere al composto delle gocce di olio essenziale di lavanda in modo che questo rilasci un gradevole odore sul materasso.

Inoltre esistono delle tecniche per pulirlo a fondo, magari dopo un’influenza che ci ha tenuti a letto per molti giorni, facendolo riempire di batteri e germi. Per fare ciò dovremo andare a rimuovere la fodera del materasso, aspirando tutta la parte interna con molta meticolosità e successivamente, con l’aiuto di un panno immerso in acqua e ammoniaca andremo a strofinare con attenzione tutta la superficie, risciacquando il tutto con un panno con acqua pulita. Infine lasciare asciugare al sole per qualche ora e prima di rifoderarlo, cospargerlo con una piccola dose di bicarbonato di sodio.