Ecco come lavare la Moka per farla tornare come nuova

Molte persone si sono chieste se è vero che la caffettiera o moka non va mai lavata, per evitare che si possano compromettere i sapori e le fragranze del caffè. Questo è un falso mito, dato che questa, come ogni cosa, per essere funzionante deve essere pulita e igienizzata. Tuttavia è vero che esiste un metodo particolare per riuscire a pulire questo oggetto e farlo nel modo sbagliato può davvero danneggiarlo, così oggi vogliamo fornirvi il metodo corretto per pulire perfettamente la vostra moka.

In realtà esistono due diverse correnti di pensiero che trattano questo argomento e si differenziano tra coloro che indicano che questa debba essere pulita a fondo, e coloro che invece ritengono debba solamente essere sciacquata con l’acqua. Innanzitutto, bisogna ricordarsi di rimuovere completamente tutti i residui di caffè e di calcare che potrebbero alterare il gusto del caffè, anche se questo non deve essere necessariamente fatto ad ogni lavaggio.


credit: pixabay/andreas160578

Dopodiché ricordatevi che per una corretta pulizia, la caffettiera deve essere smontata pezzo per pezzo.
Inoltre la sua pulizia varia anche in base al materiale in cui è fatta la mola. Ad esempio se è di alluminio deve essere trattata in ammollo con acqua calda e aceto, nel caso in cui sia di acciaio con acqua calda e acido citrico. Una regola assoluta è quella che non deve mai essere utilizzato il sapone o il detersivo per i piatti, dato che compromette il sapore delle successive produzioni di caffè.

Adesso vi forniremo alcuni consigli per pulire la moka con rimedi naturali:
1. Se non usate la vostra caffettiera da molto tempo sarà necessario mettere all’interno del suo serbatoio l’acqua con un cucchiaino di bicarbonato di sodio. Mettetela sul fuoco e in questo modo la pulirete da tutti i residui. Ricordatevi sempre di fare un primo caffè a vuoto, prima di utilizzarla per voi stessi.

2. Per la sua pulizia esterna dovrete semplicemente inumidire una spugnetta con una soluzione di acqua e aceto e utilizzarla per rimuovere l’eventuale sporco presente. Se sul fondo ci sono delle parti molto bruciate, potete aggiungere al composto del bicarbonato di sodio.

3. Per pulire le guarnizioni dovrete rimuovere i residui di caffè con acqua corrente e una volta al mese usate un panno imbevuto nell’aceto per dare ad essa una igienizzazione più profonda.


credit: pixabay/Free-Photos

4. Per eliminare l’eventuale calcare sia dal filtro che dal serbatoio dovrete mettere al suo interno dell’acqua con sale e aceto e metterla sul fuoco come se steste facendo un normale caffè. Dopo che questo procedimento sarà terminato ricordatevi di sciacquare il tutto sotto l’acqua corrente. Ricordate sempre di fare un caffè a vuoto prima del nuovo utilizzo.