Cosa rende i pensieri negativi così difficili da fermare?

Vi siete mai chiesti come mai i pensieri negativi siano davvero difficili da tenere a freno?
Moltissime persone non riescono a limitare il presentarsi di pensieri che possono rivelarsi dolorosi e nocivi. Questo particolare atteggiamento avviene sia quando viviamo delle esperienze particolarmente spiacevoli, sia quando, viceversa, stiamo attraversando un grande periodo di felicità. Ma allora perché, se siamo tranquilli e sereni, questo atteggiamento fastidioso si presenta alla nostra mente?

Questo avviene perché il nostro cervello è cablato per tentare di ottenere la migliore versione di noi stessi e si attiva automaticamente una sorta di sistema di ricompense, quando proviamo emozioni negative come la vergogna, il senso di colpa e la preoccupazione. Fortunatamente tutti noi possediamo le capacità necessarie per combattere questi stati d’animo e oggi vogliamo fornirvi i mezzi per riuscire a raggiungere una maggiore serenità.

credit: @arlekinka via Twenty20

1 Date un nome alle varie emozioni
Spesso non riusciamo a distinguere chiaramente le emozioni e le sensazioni che proviamo. È facile confondere un’emozione per un’altra. La frustrazione ad esempio può essere scambiata con l’ansia, e la paura per la vergogna. Bisogna riuscire a comprendere razionalmente quale è l’emozione che stiamo vivendo e verbalizzare la cosa può aiutarci a far sì che il nostro cervello mantenga il controllo su di noi.

2 Identificare il pensiero
Con ogni emozione che proviamo è normale avvertire una sorta di “commento mentale” di quello che stiamo vivendo. Comprendere questo tipo di pensiero ci consente di dare un senso a tutto ciò che ci circonda e anche se stiamo vivendo una sensazione poco piacevole, possiamo riuscire a sostenerla, trasformandola in un’emozione agrodolce, con lo scatenamento della dopamina, l’ormone della felicità.

credit: @thomas.geub via Twenty20

3 Giocate agli opposti
Bisogna tentare di dimostrarsi quanto più saggi possibili con noi stessi. Quando affrontiamo delle situazioni che possono influenzare la nascita di un pensiero negativo, è opportuno tentare il classico “gioco degli opposti”. Se per esempio siete convinti di detestare il vostro lavoro, pensate invece che avete delle potenzialità di crescita professionale. Il semplice fatto di trasformare un pensiero negativo in una possibilità cambierà radicalmente la vostra vita.

4 Organizzate le vostre mosse future
Quando siete assaliti dai dubbi e dalle ansie, legate allo sviluppo di un pensiero negativo, cominciate a pensare alle eventuali soluzioni future, invece di temere per quello che può accadervi. Un’organizzazione mentale può rispondere in modo efficace a tantissime situazioni e spesso sarà proprio quello di cui il vostro cervello ha bisogno, per superare le fasi di manifestazione del pensiero negativo.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network: