Come rimuovere la tintura per capelli a casa: 6 rimedi efficaci

La tintura dei capelli è diventata, nel corso degli anni, un’usanza sempre più popolare, in quanto dona la possibilità di creare look sempre nuovi. A volte però, può succedere di voler rimuovere la tinta appena fatta perchè non ci piace ilk colore, oppure dopo qualche tempo perchè ci siamo stancati e vogliamo cambiare nuovamente o semplicemente perchè vogliamo tornare alla nostra nuova tonalità di capelli.

Fortunatamente esistono dei rimedi e delle procedure casalinghe, con ingredienti di facile reperibilità, grazie ai quali potremo eliminare definitivamente la tintura dei capelli senza alcun problema.


Foto: pixabay/jackmac34

Olio di oliva caldo
L’olio di oliva contiene al suo interno proprietà nutritive e idratanti che aiutano a curare i capelli sfibrati. Se utilizzato caldo (non bollente! che rischiate di ustionarvi), andrà ad eliminare la tintura poco alla volta, riuscendo allo stesso tempo a mantenerli ben idratati. Basterà applicarlo su tutta la chioma, dalle radici fino all’intera lunghezza, indossare una cuffia lasciando agire la maschera per circa 30 minuti e risciacquare. Questo procedimento può essere effettuato anche con l’olio di cocco, che ha le stesse proprietà di quello d’oliva.

Aceto e acqua
L’aceto è un ottimo prodotto che ormai conosciamo, non solo come ingrediente da utilizzare nelle nostre pietanze, ma anche come grande alleato per le pulizie della casa. È molto utile anche per la cura della persona riuscendo a risolvere, grazie alle sue proprietà, problemi della cute, cattivi odori e capelli secchi. Preparare una miscela composta, in parti uguali, da aceto e acqua. Dopo aver cosparso la chioma di prodotto, lasciare il posa per circa 15 minuti, indossando sempre una cuffia per capelli, fino al momento del risciacquo. non appena il procedimento sarà concluso, lavare accuratamente i capelli, per evitare che l’odore troppo deciso dell’aceto possa insunuarsi nei capelli, diventando a lungo andare fastidioso.

Acqua e vitamina C
Questo rimedio è tra i più economici e semplici. Le compresse effervescenti di vitamina C sono ottime alleate per lo schiarimento dei nostri capelli, infatti l’acido ascorbico è uno schiarente molto utilizzato nelle aziende cosmetiche e farmaceutiche per il trattamento delle discromie cutanee. Sui capelli colorati agisce allo stesso modo, riuscendo ad eliminare l’eccesso di pigmento della tintura effettuata. Occorrerà polverizzare alcune compresse di vitamina C e aggiungere ad esse qualche goccia di acqua calda, in modo tale da creare una pasta. Non appena il composto sarà pronto, creare un impacco su tutta la capigliatura, indossare una cuffia e lasciare agire il prodotto per circa 1 ora, infine risciacquare.

Shampoo antiforfora o contenente solfati
Questo è il rimedio più semplice, in quanto basterà semplicemente acquistare uno shampo antiforfora o con un alto contenuto di solfati. Lavando la nostra chioma, in modo frequente, con questo prodotto, potremo vedere i nostri capelli che si vanno schiarendo sempre di più. Questo accade grazie ai solfati che, ad ogni lavaggio, oltre a trascinare via lo sporco dai capelli rimuovono anche parte della tintura.

Shampoo e bicarbonato di sodio
Il bicarbonato di sodio viene spesso utilizzato, durante le pulizie della casa, come smacchiatore. La sua azione dovrebbe aiutare a schiarire i capelli, senza però andarli a decolorare. Unendo il suo potere allo shampoo antiforfora, più forte rispetto a quelli normali e contenente un principio attivo che attenua il colore dei capelli, diventerà un potente miscuglio che ci aiuterà nel nostro intento. Per eseguire questo procedimento basterà aggiungere allo shampoo una piccola dose di bicarbonato di sodio e prima di risciacquare il tutto, lasciarlo agire per qualche minuto.


Foto: pixabay/lin3179

Prodotto specifico
Inoltre si può prendere il considerazione l’utilizzo di un prodotto specifico, adatto alla schiaritura o alla decolorazione dei capelli, applicandolo seguendo le istruzioni. Il problema di utilizzare questo tipo di prodotti è che, una volta finita l’applicazione, si dovrà tornare a tingere i capelli, a meno che non piaccia l’effetto decolorato.

Durante l’utilizzo di questi rimedi, bisogna comunque prestare particolare attenzione, in quanto molti prodotti, ad esempio il bicarbonato di sodio, possono risultare irritanti per il cuoio capelluto. Inoltre questi processi di decolorazione, possono indebolire molto i nostri capelli, quindi è utile procedere con molta cautela e senza esagerare. Per evitare di sfibrare troppo la chioma, è consigliabile l’utilizzo di maschere, balsami, e shampoo dal potere ristrutturante.
.
LEGGI ANCHE: Perché NON è buono dormire con i capelli bagnati?