Come pulire un condizionatore e mantenere il filtro perfetto

Il condizionatore è ormai un elettrodomestico necessario in tutte le case, specialmente in estate. Esso ha anche bisogno di una buona dose di manutenzione, poiché il filtro si sporca facilmente, e deve essere adeguatamente pulito con costanza, altrimenti il condizionatore non funzionerà più bene. Tutte le case costruttrici di climatizzatori, nel manuale d’istruzione, spiegano come trattarlo al meglio, dunque ricordatevi sempre di leggerli.

Oltre a questo, comunque, oggi vi sveleremo alcuni trucchi per mantenerlo perfettamente funzionante.
Chiaramente, prima di qualsiasi lavoro, bisogna spegnerlo e scollegarlo dalla corrente. Fatto questo, bisognerà smontarlo e pulirne le singole parti con un detersivo classico. Vi conviene iniziare spolverando le alette, utilizzando una spazzola a setole morbide, per poi passare al coperchio anteriore. Quest’ultimo, però, va pulito con un panno umido.


credit: pixabay/mstlion

Pulire il filtro è la cosa più complicata e importante da fare. Esso va, prima di tutto, sciacquato con dell’acqua tiepida, utilizzando un panno resistente per strofinarlo e pulirlo al meglio. Vanno bene sia saponi neutri, sia detersivi normali, poiché l’importante è che non utilizzate prodotti abrasivi. Evitate anche l’uso di setole rigide, poiché rischiereste di danneggiare il tessuto.

Finito di sciacquare, lasciate asciugare il filtro e rimettetelo tranquillamente nel condizionatore.
Può succedere però, visto l’enorme lavoro eseguito dal filtro stesso (intrappolare le particelle in aria), che esso diventi troppo sporco e danneggiato, e dunque conviene sostituirlo definitivamente. In questi casi, rivolgetevi direttamente alle case ufficiali di quel prodotto. Non prendete nulla di alternativo, anche se magari meno costoso, perché potrebbe anche rovinarvi totalmente il climatizzatore.

Una volta finito con il filtro, potete procedere al lavaggio delle griglie e di tutto ciò che rimane, usando sempre acqua, sapone ed, eventualmente, uno sgrassatore. È importante tanto sciacquarli bene quanto lasciarli asciugare prima di essere riposizionati nel condizionatore. Tutti questi accorgimenti faranno sì che il climatizzatore duri a lungo, senza mai perdere di potenza o surriscaldandosi. Deve avvenire un corretto ricambio d’aria all’interno dell’oggetto, dunque lavorate con cura sugli scambiatori di calore/freddo e sul ventilatore interno.

Vi ricordiamo inoltre che, nel caso in cui esso non stia funzionando bene, potrebbe esserci una perdita di benzina o il già citato ventilatore interno sporco. In questi casi basterà dare un’altra carica di gas o pulire il ventilatore. Tuttavia sono problemi poco diffusi, quindi, in linea generale, vi basterà pulire costantemente i pezzi singoli, e non avrete mai problemi di affidabilità o di performance.