Come pulire piatti e stoviglie in modo efficiente

Quando ci ritroviamo davanti alle faccende domestiche, ce ne sono alcune che alla maggior parte risultano estremamente noiose e che vorremmo rimandare il più a lungo possibile. Tra queste nelle prime posizioni troviamo senza dubbio lavare i piatti. Nonostante quello che si pensi però, questo particolare tipo di pulizia non è così tremendo come molto lo vedono, in quanto seguendo alcuni semplici trucchi, può diventare più veloce e facile del previsto.

La prima cosa da tenere a mente è quella di avere sempre a portata di mano gli strumenti giusti per procedere, o almeno quelli che risultano più comodi per noi. In realtà esistono vari tipi di prodotti e ognuno ha il suo utilizzo.


credit: pixabay/congerdesign

• La spazzola serve a rimuovere al meglio lo strato più superficiale, ma quando dispongono anche della parte più rigida, sono in grado di eliminare anche lo sporco più ostinato.
• La classica spugna ci aiuta ad eliminare il grasso e lo sporco incrostati nei piatti.
• La paglietta di metallo è molto utile per riuscire a rimuovere sporco e incrostazioni, ma quando si utilizza bisogna prestare attenzione in quanto può danneggiare i materiali su cui viene usata.

Un semplice trucco per evitare un grande accumulo di piatti e stoviglie varie, è quello di lavare subito ciò che si è utilizzato, in modo tale da evitare inoltre di perdere tempo con fastidiose incrostazioni di residui. Un modo utile per riuscire a pulire i nostri piatti se dovessero risultare estremamente sporchi e incrostati, è quello di immergerli prima in acqua bollente, in maniera tale che queste si ammorbidiscano prima del lavaggio.


credit: pixabay/chefkeem

Inoltre non tutti sono a conoscenza del fatto che le stoviglie e i piatti dovrebbero essere lavati in un ordine ben preciso. La prima cosa da pulire solo le posate in quanto a stretto contatto con la bocca, quindi per rimuovere al meglio germi e batteri e consigliabile lavarle con l’acqua ben calda e ancora totalmente pulita. Successivamente procedere con tazze e bicchieri, anch’essi a contatto con il nostro cavo orale. Infine concludere con pentole, padelle e piatti.

È facile comprendere se i nostri piatti sono stati lavati bene, infatti basterà semplicemente toccarli e se non sentiremo alcuna traccia di uno o sporco, significherà che abbiamo fatto un ottimo lavoro. Anche la loro asciugatura è molto importante e per ottenerne una perfetta, è consigliabile utilizzare degli strofinacci in lino, in quanto non lasciano pelucchi e assorbono l’acqua in modo eccezionale.