Come pulire il parquet e mantenerlo in perfette condizioni

Il parquet è uno dei pavimenti più eleganti, ma anche più complicati da pulire e da curare. Mantenere questo tipo di pavimentazione in perfette condizioni può essere quasi impossibile, ma se si seguono una serie di regole e di consigli, sarà più semplice del previsto, e la bellezza del parquet si manterrà molto più a lungo nel tempo. Innanzitutto, sarebbe bene togliersi sempre le scarpe quando si entra in casa, ed utilizzare sempre protezioni, come gommini, per le gambe di sedie, tavoli e divani, in modo da evitare di danneggiare il pavimento e causare graffi e segni irreparabili.

Un altro fattore fondamentale da considerare per la cura del parquet è senza dubbio l’umidità. In un ambiente umido, il parquet andrà facilmente a rovinarsi, per questo è importante evitare di creare un ambiente umido, e soprattutto stare attenti con l’acqua. Se ci si accorge che in casa sono in corso delle perdite, è bene agire subito, proteggendo il parquet con panni assorbenti e giornali, per evitare che l’acqua penetri all’interno del legno e lo vada a rovinare.


credit: pixabay/qimono

Per pulire il parquet, è preferibile utilizzare il mocio anziché l’aspirapolvere, che potrebbe lasciare più facilmente dei graffi. Ed è consigliabile, invece di utilizzare prodotti chimici, che col tempo possono intaccare il colore e la lucentezza del parquet, lavarlo soltanto con acqua tiepida ed aceto bianco, senza mai versare direttamente l’acqua sul parquet. Un altro piccolo accorgimento, è evitare di esporre troppo il parquet alla luce del sole, coprendo le finestre con delle tende, poiché la luce solare diretta potrebbe col tempo scolorirlo.

Per quanto riguarda le macchie, se sono recenti ed untuose, si può provare a coprire l’area macchiata con del borotalco, e coprire poi con della carta assorbente, lasciando agire, in modo che vada ad assorbire tutto. Se invece sono presenti delle macchie piuttosto vecchie, è consigliabile strofinare delicatamente una soluzione composta da polvere di pomice, una parte di ammoniaca e mezzo litro di acqua.

Bisognerà risciacquare più volte per vedere i risultati. Per donare più lucentezza al parquet, l’ideale è utilizzare la cera, ma ci sono anche dei rimedi artigianali, che consistono nell’aggiungere una bustina di thè nell’acqua e poi utilizzarla per pulire il pavimento con un panno morbido, oppure aggiungere l’aceto, che lo renderà più lucido.

Se, invece, si tratta di un parquet abbastanza vecchio, è necessario usare la cera, ma si potrebbe provare ad utilizzare una piccola quantità di olio, applicandola direttamente sul pavimento, e poi strofinare con un panno. Bisogna, in ogni caso, stare attenti a non superare le quantità necessarie, e soprattutto lasciar passare del tempo affinché asciughi, altrimenti si rischia di scivolare.

Un altro problema che spesso si presenta col parquet, sono i graffi causati dallo spostamento dei mobili, o i segni lasciati da vasi o altri mobili quando vengono sollevati dopo tanto tempo. In questo caso, per rimuovere queste macchie, si può usare un po’ di candeggina diluita con dell’acqua tiepida, lasciarla agire sulla macchia, e poi spazzolare a lungo e risciacquare più volte con acqua. Se ci sono dei veri e propri graffi, invece, può servire utilizzare del mastice per legno. Se ci sono delle strisce molto più marcate, può servire strofinare delicatamente l’area con della cenere del caminetto.


credit: pixabay/Victoria_Borodinova

Se, invece, inizia ad infastidirvi lo scricchiolio del parquet che con gli anni tende ad aumentare, si possono riempire i buchi che vengono a formarsi tra una listarella e l’altra, con del talco e passarci poi sopra affinché si allineino di nuovo. Per rimuovere l’eccesso di talco, si dovrà semplicemente aspirare l’eccesso. Se tutti questi suggerimenti vengono seguiti, ti assicuriamo che il tuo parquet sembrerà sempre perfetto!