8 tendenze del trucco vecchio stile che possono farti sembrare più vecchia di quanto sei

Negli anni il make up si è evoluto molto. Rispetto agli anni ’70 – ’80, che hanno portato una rivoluzione in questo campo, il trucco è diventato, con il passare del tempo, sempre più sobrio e le tecniche sono molto migliorate.
Per chi è ancora abituata ad usare alcuni metodi di quegli anni, oggi proveremo a capire quali sono le tecniche da evitare.

Alcune esperte di bellezza e trucco, hanno stilato una lista di cose da evitare in modo che la bellezza naturale possa risaltare il più possibile evitando, in modo semplice, l’effetto mascherone.
Ovviamente non parliamo di gusti, ma semplicemente di tecniche e tendenze.

Correttore troppo chiaro

Spesso si vede, in molte foto di personaggi famosi, una striscia con una colorazione esageratamente più chiara rispetto al colore del nostro incarnato. Questo crea l’effetto maschera. Questa tecnica era molto in voga negli anni ’80.
Oggi le cose sono cambiate.

Ok al correttore, ma con una colorazione più simile alla nostra pelle e che aiuti, se ci sono, a coprire le occhiaie, applicandone una piccola quantità nella parte interna sotto l’occhio (quindi dall’inizio fino a quasi metà occhio), cercando di sfumarlo molto bene per evitare di lasciare delle antiestetiche macchie.
Una tecnica molto utilizzata negli ultimi anni è quella di idratare la zona interessata con una crema o un primer adatto, in modo che il correttore non si vada ad insinuare nelle piccole rughette.

Cipria troppo scura o abbronzante

Un tempo andava molto di moda l’abbronzatura, anche se artificiale.
Spesso ci capitava di incontrare persone che indossavano una cipria di una tonalità troppo scura rispetto al colore della loro pelle.

Se si vuole comunque provare ad avere un effetto più abbronzato utilizzando la cipria, provate a usarne una più scura, massimo di 2 tonalità. Evitare di applicarne troppa e cercare di sfumarla il più possibile coprendo tutto il viso per creare una texture più omogenea possibile.

Matita per le labbra
Negli anni ’80 – ’90, la matita per le labbra era un must, in particolar modo se questa era più scura rispetto al rossetto. Ormai non è più di tendenza. Oltre ad essere molto difficile riuscire a creare una linea perfetta che riesca a risaltare al meglio le vostre labbra, al giorno d’oggi, è preferibile utilizzare una matita che abbia lo stesso colore del rossetto che successivamente andremo ad applicare. Darà un aspetto sicuramente più elegante al nostro viso.

Ombretti colorati

Una delle tendenze più diffuse negli anni ’80, era sicuramente l’utilizzo spropositato degli ombretti colorati, che andavano a coprire tutta la palpebra fino ad arrivare alle sopracciglia. La convizione era che questa tecnica riuscisse a risaltare gli occhi, rendendoli più luminosi. Niente di più sbagliato!

Oggi il metodo per fortuna è totalmente cambiato. Si agli ombretti colorati, ma sfumati e accostati sempre a dei colori più neutri come il marrone ed il beige.
un esempio per questo tipo di trucco può essere ad esempio: usare l’ombretto colorato e sfumarlo in modo omogeneo, completare il look con una linea sottile di eyeliner o matita nera, lasciando il resto dell’occhio il più neutro possibile.

Sopracciglia estremamente sottili

Fino a qualche anno fa la moda ci portava a assottigliare il più possibile le nostre sopracciglia.
Ora non è più così. Alcuni esperti hanno affermato che, modellando le nostre sopracciglia, in modo da non renderle troppo sottili, renderebbe il nostro viso più naturale ed ne trarrebbe vantaggio anche esteticamente.
Il consiglio che danno è quello di tenere le sopracciglia più folte, modellandole con la pinzetta quel poco che basta per essere allineate e pettinate.

Blush troppo marcato

Il blush è un prodotto make up che non manca mai nella pochette di una donna. Da la possibilità di dare un pò di colore e tridimensionalità al viso. Attenzione a non eccedere però, altrimenti il risultato potrebbe essere disastroso, quasi da clown.
applicare il blush con un pennello cercando delle tonalità non troppo accese e sfumando il più possibile, in modo da evitare l’effetto “Heidi”.

Mascara colorato/ Rimel technicolor
Questa tendenza potremmo definirla “yo-yo”: un anno è un must, l’anno successivo un flop!
Per quanto riguarda il mascara, se si vuole dare un aspetto naturale al make up, sarà preferibile evitare quelli colorati.
Niente è meglio del classico colore nero. Il colore naturale che non passerà mai di moda.

Glitter

Sicuramente i glitter donano lucentezza al viso, ma si sa che “il troppo stroppia”.
Se usati in modo eccessivo, come era abitudine fare un tempo, renderanno il make up innaturale e attireranno attenzione, magari dove non si vuole, evidenziando tutti i classici segno dell’età che sono un elemento distintivo degli occhi.

I glitter vengono utilissati ancora oggi, ma in modo più tenue.
Come ombretti è preferibile utilizzare una tinta opaca e applicare i brillantini solo in una piccola parte al centro della palpebra superiore e all’attaccattura interna dell’occhio. Così donerete al vostro viso la giusta luminosità senza eccedere.